STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Tutto cominciò cosìuna giornata in.......autostrada d'estateLa mia prima voltaamanti vogliosigianniio e leiIL BAGNO DELLA COIN
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

primo tradimento
Scritta da: FRANCATR1 (1)

leggendo le vostre storie, mi è venuta voglia di raccontarvi qualche cosa anch'io.
mi chiamo franca e sono una bella mora, all'epoca dei fatti avevo 24 anni ero sposata da 2 anni, lavoravo in un ufficio pubblico, uno di quei palazzi vecchi con quelle scrivanie enormi tutte chiuse attorno.
tutto successe un pomeriggio d'estate durante le ore di recupero negli uffici eravamo rimasti in 3 sparsi per il palazzo.
ero alla mia scrivania, quando entro un mio collega con delle pratiche e mentre stavamo guardando, lui in piedi accanto a me cadde la penna, forse distratto dalle mie gambe in bella vista sotto la mini, si chinò per raccorglierla, e mentre tardava a salire sempre per lo stesso motivo. entrò anche l'altra mia collega per salutarmi che lei stava andando a casa. fu a quel punto che istintivamente posi una mano sulla testa di carlo e lo forzai a rimanere nascosto sotto la scrivania, mentre la collega cominciò a raccontarmi le sue strorie.
sentii le mani di carlo posarsi sulle mie ginocchia e accarezzarmi cercando nel frattempo di farmi aprire le gambe che io tenevo ben chiuse.
ma lui insisteva e per non farmi scoprire dalla mia collega dovetti cedere. speravo se ne andasse per porre fine a quella situazione ma lei restava li davanti a me mentre sotto le mani erano ormai alle mutandine e dopo averle scostate cominciò a frugarmi ed accarezzarmi la figa sentendola bagnatissima introdusse 2 dita dentro e mi masturbo dolcemente, io non sapevo + come fare, ero terrorizzata all'idea che mi scoprisse, ma poi finalmente mi saluto e sparì,
ormai era troppo tardi per interrompere la mia eccitazione era al massimo, la sua bocca era sulle mie coscie che salivano col chiaro intento di arrivare alla mia passerina fradica, mi distesi sulla sedia e lascia che la sua lingua mi frugasse la figa, stavo godendo in modo osceno il mio liquido usciva copioso dalla mia figa per finire dritto nella sua bocca avida che beveva con ingordigia.
poi usci da sotto la scrivania e senza dir una parola mi prese e mi condusse nel ripostiglio dietro la scrivania. appena entrati mi fece mettere a pecorina sopra degli scatoloni e riprese ad accarezzarmi la fica e le tette, sentivo che stava estraendo il suo cazzo e che di li a poco lo avrei avuto dentro di me.
senza nemmeno sfilarmi le mutandine ma solo scostandole sentiii il suo cazzo sconosciuto che si strofinava sulla mia figa fradicia dopo alcuni passaggi si punto all'imbocco ed io ero pronta a ricevere il colpo che mi avrebbe penetrata, quel cazzo di cui non sapevo niente era grosso era lungo non sapevo ma ero curiosa di scoprirlo invece del colpo violento comincio piano piano ad entrarmi dentro centimetro dopo centimetro, ed ebbi modo di scoprire che doveva essere notevolmente grosso visto la dilatazione che la mia figa dovette sopportare, e francamente cominciai a preoccuparmi della lunghezza, mentre inesorabile continuava ad entrarmi sempre + dentro,tutto fino in fondo, a quel punto mentre era tutto conficcato dentro di me mi disse:
spero tu prenda la pillola perchè non ho nessuna intenzione di tirarlo fuori tanto presto. è da tanto che aspettavo questo momento, sapessi quante volte ho scopato mia moglie pensando di essere dentro di te, ora finalmente ci sono, sono dentro di te e ti stò scopando, posso riempirti la figa di sborra ,e cominciò ad andare avanti e indietro in una scopata lenta ma inesorabile non resistetto molto dopo pochi colpi lo sentii irrigidirsi e spindere a fondo il suo cazzo per poi sentire dentro il calore della sua sborra che si stava svuotando nella profondità della mia fica. pensavo fosse finita ma mi sbagliavo il suo cazzo rimase dentro la mia figa ancora duro e voglioso, e mi disse :
ora voglio scoparti e farti godere come non hai mai goduto prima e devo dire che fu di parola,
senza mai toglierlo mi scopò e mi riempi la figa ancora 2 volte. quando finalmente usci la sborra comincio a colarmi dalla figa verso le gambe, tamponai con le mutandine e mi girai e finalmente vide quel cazzo che mi aveva fatto tanto godere, e quasi come segno di ringraziamento mi chinai e lo presi tutto in bocca cosi molle com'era, mi faceva tenerezza e lo pulii per bene con la lingua. poi senza dire una parola ci siamo ricomposti e tornati ai nostri posti.
non è più successo.
ma ne sono successe altre che raccontero la prossima volta.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 279): 7.5 Commenti (4)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10