STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
La prima volta - parte terzaStefy e SoniaIO E LEIListruttore di nuotoIl gioco del poliziottoGli imprevisti della solita routineMia moglie AnnalisaAvventura in cella.
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

mia suocera colpisce ancora
Scritta da: mipiaccionomature (4)

ieri mattina appena arrivo a casa di mia suocera per il caffè mattutino mi trovo la porta chiusa e senza bussare faccio il giro dalla camera da letto che trovandosi al piano terra è dotata apertura a mò di balcone che da sulla terrazza del retro-campagna. mi affaccio per vedere e dentro cosa ti trovo? mia suocera a 90 gradi tutta nuda che si asciuga i piedi dopo essersi fatta la doccia, vi lascio immagginare il mio palo già gonfio perchè appena alzato dal letto si gonfia ancora di più, lei dal riflesso dello specchio si accorge della mia presenza e coprendosi la figa umida con il telo da bagno e quindi con i meloni in bellavista mi apre, e mi dice, da quando tempo sei li brutto porco? con aria da troia a sfidare la mia pazienza, io rispondo il tempo necessario a farmelo diventare di marmo, lei subito abbassa gli ochhi e meravigliata dice accipicchia, saranno almeno dieci minuti che mi spii per averlo di quelle dimensioni, mi abbassa i pantaloncini del pigiama e mi fa una spagnola da capogiro con quei suoi meloni ottava misura, io sono sull' orlo della aiuaculazione quando lei da vera esperta prima che io venissi se lo infila in bocca a con movimenti tipo calippo mi succhia la cappella appunto come fosse gliacciolo al limone, per averne il succo dissatante io esausto eiaculo abbondantemente tirando un sospiro di vera goduria, lei soddisfatta a metà mi dice vai a lavarti che adesso viene il bello. vado in bagno a farmi la doccia e mentre mi lavo la vedo che si lava l' orifizio orale ormai sporco del mio liquido seminale, il mio cazzo sorpendentemente non ne vuole sapere di diventare duro anche se durante la doccia cerco di menarlo per farmi trovare pronto dalla massaia di cazzi che mi aspetta in camera da letto, lei mi chiama e mi dice ci vuole ancora molto? sbrigati che poi si fa tardi!!!!! uscendo dalla doccia il mio pene ancora moscio ma di lunghezza sempre idonea al mio portamento da porcone, si trasforma in men che non si dica in verga maestosa alla visione di mia suocera messa nuda sul letto matrimoniale con le cosce spalancate come ad invito al seguito della sborrata precedente io rientrato nel possesso dei mie poteri mascolini mi accingo a leccare la fregna della mia cara mamma dal basso verso l' alto e prima di separare la mia bocca dalla sua figa gli succhio il clito facendola anziamre, ripeto l' operazione fino a quando il mio palo è pronto per un' altra apnea vaginale e inizio a traforare ripetutamente e con colpi renali ben decisi la fregna anzimante della mia cara suocera, lei in estasi mi dice bravo mio caro dai continua così sfondami ,sfondami e sfondami ancora tanto ormai non potrai venirtene più io a sentirla godere come una troia spingo e spingo fino allo stremo delle mie forze e quando non ne posso proprio più mi metto a pancia in aria disteso sul letto la mia verga ondula andando da destra verso sinistra come a scandire il tempo che la troia ci mette per prenderlo in bocca e lei con scatto felino lo acchiappa e se lo fa arrivare fino in gola e lo spompina a dovere, non contenta mi dice che lo vuole fino nel profondo del suo culo fino a sentirlo in gola e quindi quasi mi obbliga a infilarlo nell' ano, per facilitare l' ingresso della mia sonda la zoccola va in bagno prende l' olio dopo doccia che usa ogni giorno e mi lubrifica il bastone poi si appoggia con le mai sulla cassettiera della camera e ondeggiando il suo culone meraviglioso mi invita a sfondarglielo con le ultime forze che mi erano rimaste, ma la troia non sa che a me basta poco per riprendermi dalla fatica e infilo la mia verga nel suo ano con una tale prepotenza che la cassettiera tremò tutta lei che non si aspettava una mia così impunita reazione fisica si sorprese e mi disse allora non sei stanco, continuammo per circa venti minuti nell' arco dei quali il suo culo divenne di mille colori dallo sforzo e quando ne ebbe abbastanza visto che le sue gambe iniziavanno a cedere mi pregò di smetterla, ma io che ormai ero a un passo dall' eiaculazione imperiale continuai fino a riempiere il suo culo enorme e sodo della migliore qualità della mia sborrà, mia suocera colpisce ancora e mi rende davvero felice ogni volta che la scopo con lei posso fare di tutto............................. e anche di più

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 70): 6.94 Commenti (4)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10