STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
la mia puppona parte primaVisita specialisticaFesta di carnevale con sorpresaFESTA TRA AMICILa Notte Del Pokerla calda cuginaUN VIAGGIO ....... ECCITANTEIL TRIBUTO by Giovanna
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

le stranezze di mia moglie
L'ho trovata sul letto, che si stava masturbando con le sue mutande. Le tirava forte sulla sua figa, al punto cher gli entravano nel centro della figa a strofinargli il clitoride. Era sudata con le tette di fuori i capezzoli induriti e godeva. Che troia che sei, alla tua età ti masturbi ancora? Non mi rispose e si addormentò.
La notte avevo il cazzo in tiro, non volevo svegliarla ma il desiderio di scoparla era forte. gli appoggiai di dietro il cazzo nella figa che entrò subito e sprofondò in quella grande labbra arrossate. Mi mise a stantuffarla, mentre i suoi mugoloi diventavano più continui e lunghi. Ma sapevo cosa occorreva per farla venire. La mia mogliettina con i suoi 45 anni era ancora una figa bellissima. Dopo che la stantuffai per vari minuti e sentivo tutti i suoi umori che le inondavano le cosce, la girai a pancia in giù. La sua posizione preferita, mi alzai dal letto e presi la mia cinghia dei pantaloni. Al primo colpo sulle natiche un sussulto la scosse e con la sua mano cominciò a toccarsi il clitoride. Il secondo colpo sulle chiappe fù più forte del primo e già l'arrosamento della carne era più visibile, ma sò che non bastava, le allargai le cosce e le diede una cinghiata tra la figa e il buco del culo. La troia emise un grido più di piacere che di dolore. Il mio cazzo era diventato duro e mi masturbavo con un profondo piacere. La girai e le leccai le grosse tette, morsicai i suoi capezzoli e mentre si dimenava la cinghia si abbattè su quei capezzoli duri. Un alto grido fuoruscì dalla sua bocca. la rigirai e le piantai nella figa il grosso vibratore. su quelle natiche arrossate le spalmaii un pò di saliva e un'altra cinghiata le fece scorrere un pò di sangue. Cominciò a gemere. Appoggiai il mio cazzo duro sul buchetto del suo culo e con un colpo secco la penetrai con forza. Stavolta gridò, forte, e il suo singhiozzo di pianto mi face venire dentro il suo culo. Le tolsi il vibratore dalla figa e le diede l'ultima cinghiata con tutta la forza che potevo. Sentii il suo gemito di dolore e quel auo siiiiiiiiii che censì l'orgasmo.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 30): 5.53 Commenti (7)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10