STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
zitto zitto...il nipotebarbara (1)quanto sono troiamia moglie santarellina...."galeotta fu la spiaggiaPUTTANA LA MAMMA, E TROIA LA FIGLIA
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

la bagnina ha mantenuto la promessa
Scritta da: MaddenRoses (1)

Salve ragazzi, oggi andrò a raccontarvi il prosequio dell'avventura avuta con la bagnina della piscina.

Come ci eravamo detti quel giorno, dopo che lei ebbe ingoiato tutto la sborra da me schizzata, sicuramente ci sarebbe stata occasione di farle provare il mio cazzo anche dentro di lei.
La bagnina mantenne la promessa!
Ieri il tempo non era dei migliori, un po' nuvolo, ma avendo la fortuna di frequentare una piscina chiudibile, mi sono recato ugualmente a fare qualche bracciata.
Caso vuole che alla mia uscita, mi trovo il diluvio fuori.
Prendo la macchina e faccio per uscire dal parcheggio, quando mi vedo la bagnina davanti alla porta d'entrata. Mi avvicino e le chiedo:

“Non ti aspettavi il diluvio, eh?”
Eh no! Se prendo il motorino adesso mi schianto contro qualche muro”
Ti accompagno io...sali dai...

Mostrandomi ancora il suo sorriso, sale in macchina bagnata quanto basta da intravedere i suoi capezzoli turgidi ed eccitati.
Non posso fare a meno di sorridere. Lei mi nota, capisce, e sorride.

“Sai dove abito?” mi chiede.
“No, ma non penso che il finale differisca tanto se andiamo a casa mia o a casa tua.” le dico mostrandole un sorriso sghembo ed ammiccante.
“Sei così stronzo che mi mandi in estasi.” mi dice lei sorridendo.
“Ti avviso, il tragitto verso casa mia è un po' lungo” le dico fancendole l'occhiolino.
“Allora dovremmo occupare il tempo diversamente”.

Si sposta un po' dal sedile, poggia la sua mano sui miei pantaloni e inizia a tastare la mia verga non ancora eccitata. Inizia a sbottonarmi i pantaloni, lentamente tira giù la cerniera e me lo tocca dai boxer. Le sorrido ancora, so che si eccita ancora di più.
Me lo tira fuori dai boxer mentre cerco di mantenere bene la strada. Inizia a masturbarmi dolcemente, aumentando di tanto in tanto il ritmo e poggiando la sua lingua sulla mia cappella.
Inizia a tirare di più, la cappella si fa dura e calda, e la sua lingua diventa sempre più un piacere sulla mia asta scoperta dalla sua mano.
Inizia un pompino coi fiocchi. Succhia tutto fino alla base, cercando di portarlo tutto in gola.
Fa fatica ma le piace talmente tanto che quasi non le importa di sentirsi soffocare.

“Vedo che sai occuparlo bene il tempo....continua a succhiarlo tutto dai...che dopo ti ripago di tutto, troietta....”
“Mmmmmmmmmmmmmm....mmmmmmmm....adoro il gusto del tuo cazzo!!Mmmmmmmmmmmmmmmm...mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm....
“Gustalo tutto allora!!”

Le premo la testa contro il mio cazzo, spingendola sempre più giù. Le piace, quella sensazione di forzatura la eccita ancora di più, ed eccita anche me.
Mentre apre vogliosamente la bocca sempre più inizio a sentire la saliva che cola giù per la mia asta. Le tiro su la testa:

“Lecca la saliva che cola, non vorrai farla cadere sui sedili, spero?”
“Mmmmmmmmmmm....no...la voglio tutta per me...questa saliva ha il gusto del tuo cazzo...e non posso assolutamente perdermela...mmmmmmmmmmm...”

I suoi mugolii si facevano sempre più intensi, ed anche la sua succhiata si faceva vorace e desiderosa di quel liquido che tanto gusta.

“Continua a succhiare che ti inondo la gola!”
Mmmmmmmmmmmm... si ti prego si...la voglio in gola!”

Neanche il tempo di farle dire altro che sento lo sperma schizzare nella sua bocca calda e accogliente. Inizia a giocarci con la lingua che inevitabilmente struscia contro la mia cappella strabordante di sborra. Continua a emettere quei suoi mugolii che mi fanno capire quanto ancora stia godendo a sentirsi la bocca piena di sperma caldo e colante.
Portando per bene le sue labbra su per la mia asta, curante di non perdere neanche un goccio di sborra, succhia la cappella per pulirlo per bene. Tira su la testa e ingoia tutto quanto.
Soddisfatta e sazia (almeno per ora), mi guarda con espressione goduta e mi fa l'occhiolino sorridente.

Arrivati a casa mia, ogni posto era buono per farci una sana scopata. Optiamo per la cucina.
La prendo per i fianchi e la poggio vicino ai fornelli.
Senza fare troppi complimenti le tolgo rapidamente la gonna che indossava e le spalanco le gambe.
Inizio a toccarle l'interno coscia, stuzzicandola sempre più
Tocco le sue mutandine, ormai la sua figa è un lago, desidera sono essere chiavata violentemente ed essere soddisfatta di ogni sua voglia.
Quasi gliele strappo, subito inizio a toccarla e a stimolarle il clitoride.

“Ti prego, leccamela, masturbami, fammi ciò che vuoi ma fammi venire!!Devo godere!!Sfondamela come meglio credi!!”

La guardo di sottecchi, e le sorrido. Non l'avessi mai fatto. Mi prende la testa e me la preme violentemente contro la sua figa. La mia lingua la lecca tutta, bagnandola ancora di più, come se ce ne fosse bisogno.

“Aaaaaaaaaaaaaaaah....si così bravoooo!!!Leccala tuttaaaaaa!!!!Inifilami la lingua nella figa ti scongiuro!!!”

Così faccio. Le allargo la figa con le dita e le inifilo la lingua dentro, leccando ovunque. Intanto le stimolo il clitoride con le dita. Sento il suo liquido farsi sempre più presente nella mia bocca. Sta per venire.

“AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHH!!!! VENGOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!”

Con un urlo si lascia andare e mi schizza i suoi umori sulla faccia. Viene ripetutamente. Urlando sempre più, godendo proprio come piace a me. Mentre mi guarda stremata, con la figa in preda a contrazioni, inizio ad assaporare il suo liquido gustoso. Lei impazzisce e anche se ancora intontita mi si avvicina all'orecchio e mi dice:

“Scopami....voglio sentire il tuo cazzo ovunque...possiedimi....fai di me ciò che vuoi...sfondami la figa...il culo...LO VOGLIO!!!”

Non me lo sono fatto ripetere due volte.
L'ho presa e l'ho girata.
Ho preso il mio cazzo in mano e gliel'ho sbattuto tutto dentro subito.
Lei urla, inizia a godere. Io aumento il ritmo sempre più, il mio cazzo inizia ad ingrossarsi ancora di più dentro la sua figa calda ed accogliente. La scopo con violenza, sempre più in fondo, portando fuori il mio cazzo fino alla cappella e poi di nuovo dentro di colpo, fino alle palle che sbattono contro la sua figa bagnata.

“Ooooooooooooooooooooh siii!!! Era questo che volevooo!!! Finalmente posseduta come si deve!!!! Si scopami ancora!!! Ne voglio ancora!!! Non ne ho mai abbastanza!! Sono la tua troia vogliosa di cazzo!!!

Aumentai sempre di più il ritmo, senza mai fermarmi. Vedo il mio cazzo entrare ed uscire continuamente, aprendole sempre di più quella bella fighetta vogliosa di essere sfondata.

“Dai aprimi la figa così!!!!! Bravo così daiiii!!! Sborrami dentro ti prego...voglio il tuo liquido schizzato direttamente nella figa!!!Ne voglio tanta!!!!La voglio tutta per me!!!

A queste parole il mio cazzo tirò in maniera assurda. Il tempo di darle un'altra botta e la sborra le riempì la figa. Sapevo che la schizzata sarebbe stata copiosa, ma non mi aspettavo che mentre la scopavo ancora e le venivo dentro, la mia sborra sarebbe colata fuori riempiendole le cosce di sperma caldo.
Lei eccitatissima ma ancora tremendamente vogliosa, proprio come me, mi dice:

“Cazzo che goduria!!!Dio la sento dentro, così calda!!!Oddio quanto mi piace!!!Ma non ne ho ancora abbastanza!!! Aprimi il culo ti scongiuro!!! Aprimelo bene con il tuo cazzo!!

Io, con il cazzo ancora in tiro, mi siedo sulla poltrona, e la invito a sedersi sopra i l mio cazzo.
Lentamente si appoggia con il buco del culetto sulla punta del mio cazzo.
Inizia a scendere, e per qualche volta si tira in punta di piedi e non si fa impalare. Dopododichè, preso dalla voglia, mentre si abbassa sulla mia cappella, la prendo per le cosce e la tiro giù, infilandole tutta la sberla dritta nel culo.
Caccia un urlo di dolore, ma che subito dopo qualche botta, si trasforma in pure godimento. Urla ancora.

“Ooooooooooooooooooooooh siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!! Scopami il culo dai!!!!Cosìììì!!! Aprimelo!!! Impalami con il tuo bel cazzone!!!! Soddisfa la voglia di cazzo della tua troia!!!! Lo sento arrivare in pancia!!! Devi sborrarmi anche nel culo dai!!!!

La cosa va avanti per una mezz'ora buona. Lei godeva a dismisura mentre il mio cazzo le allargava il culo sempre più. Più mi incitava più godevo. Appena sento lo sperma riempirmi il cazzo, la prendo ancora per le cosce e la tiro giù per inondarla il più in fondo possibile. Lei sente gli schizzi pervaderle il culo e la pancia e vogliosa, si alza, si inginocchia e lo succhia per pulirlo.

Goduti entrambi, la invito a dormire da me ed accetta.
Durante la notte l'abbiamo fatto ancora 4 volte. Sempre delle belle scopate energiche e soddisfacenti.
Spero vi sia piaciuta anche questa seconda parte.
Un saluto e per commenti, devilishrocks@hotmail.it
I commenti sono sempre graditi.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 150): 7.19 Commenti (13)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
RSS feed Sei eccitato? Se vuoi divertirti da solo o vuoi provare qualcosa di diverso con la tua lei, visita questo Sexy Shop, troverai tanti toys interessanti e molto altro.