STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
quel bocconcino di mia moglieLuigiche suocero....................il dottor verriricatto in famiglia 2katia, che puttana...!moglie benefattrice secondo episodioCLAUDIA GODO!!!
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

l'amico dei miei
SONO una ragazza di 24 anni mora e formosa. FACCIO pallavolo e palestra e un caldo pomeriggio di agosto a mia madre viene la brillante idea di mandarmi a casa dei loro amici per riprendere la macchina fotografica che avevano lasciato da loro la sera precedente. Io scocciata per il caldo vado comunque. ERA pomeriggio presto quindi molto molto caldo mi metto la prima cosa che trovo ovvero una canottiera bianca con pantaloncini di tessuto che usavo per gli allenamenti di pallavolo. ARRIVO da loro suono il campanello convinta di trovare la moglie ALessandra invece mi trovo davanti il marito Luca che appena apre la porta mi guarda in un modo strano, ho sempre avuto la sensazione che volesse mettermelo dentro già da diversi anni xke ogni volta che andavo anche io alle cene con i miei e loro lui essendo medico ne approfittava sempre per farmi messaggini alla schiena ed era anche molto bravo infatti mi immaginavo spesso come sarebbe stato farmi sditalinare da lui. INSOMMA apre la porta e io gli dico: ciao Luca ieri sera i miei hanno lasciato la macchina fotografica qui e sono venuta a prenderla. e lui: certo vieni entra, Alessandra è a lavoro torna per l'ora di cena ci sono solo io. e io non dico niente e entro in casa. saliamo le scale e arriviamo al piano di sopra in una piccola stanza con un letto e una scrivania e la macchina fotografica era lì sul tavolo. Lui mi chiede se avevo sete e io non so perché ma ero già bagnata nelle mutandine. io rispondo di si allora mi va a prendere del succo e me lo porta. FRA una chiacchera e l'altra ci sediamo e lui vuole farmi vedere degli scatti che ha fatto quando lui e sua.moglie sono stati a new York con i miei genitori allora accetto ma nella testa avevo solo l'immagine delle sue mani nella mia fica bagnata e vogliosa. AD un tratto mi metto a sedere sul divanetto sotto la finestra e mi fingo dolorante ad una spalla e lui senza battere ciglio mi inizia a massaggiare le spalle sciogliendo i muscoli indolenziti. la stanza era semi buia c'era solo un piccola luce da.comodino ad illuminarci,lui si era seduto dietro di me e il mio culo sodo era a un millimetro dal suo cazzo che pulsava dietro di me, lo sentivo crescere sempre di più e allora mi bagnai ancora di più,stava esplodendo. DALLA spalla è sceso piano piano ai seni turgidi fino ad arrivare ai pantaloncini,io ero in silenzio e aspettavo che mettesse la mano nelle mutandine per sentire i miei umori e infatti è quello che fece...mi mise la mano dentro il perizoma e mi disse: è fradicia hai voglia eh? e io: gemendo lasciai andare un mezzo si. ALLORA con il dito inizio a massaggiarmi il clitoride gonfio e bagnato facendo dei piccolo cerchi molto lenti e io venni in meno di un secondo urlando e inarcando la schiena e lui a quel punto venne fra le mie cosce tirandomi giù i pantaloncini e allargando le mie gambe mi guardo la passerina liscia e arrossata dall'eccitazione quando la vide disse: oh mio dio come è bella hai la passerina più bella che abbia mai visto è così Perfetta rosea e bagnatissima è un lago di umori.hai goduto eh? ora te la lecco tutta vediamo come urli adesso apiena ti metto la lingua su quel bottoncino rosso e gonfio. inizio a leccarmi il clitoride infilandomi due dita dentro e muovnedole a tempo mentre lecca va il mio clitoride e io godevo e gemevo,avevo la sua testa fra le mani e mi muovevo su e giù. RIUSCà a farmi venire 4 volte in pochi minuti dopo si alzo' e fece uscire il cazzo dai pantaloni,non aveva le mutande. appena lo vidi non vedevo l'ora di prenderlo in bocca quel cazzo venoso di un 50enne con la cappella gonfia e rossa era davvero grossa e le palle erano enormi e lisce. APPENA lo tiro ' fuori lo presi in mano ci sputai sopra e iniziai a succhiarlo segandolo con la mano e mi accorsi che stava x venire perché si staccò dalla mia bocca e strinse la cappella enorme e bagnata x non fare uscire la sborra. MI guardò e mi allargò di nuovo le gambe tornando a torturarmi il tortellino che era ancora più gonfio e voglioso di prima e iniziò a ciucciarlo e venni altre due volte, il divanetto era pieno di umori miei avevo fatto la pozza mi mise 4 dita dentro la fica e gli squirtai sugli occhiali allora se li tolse mi mise a 90 e in un colpo mi ritrovai con 20 cm di cazzo nella fica grondante mi fotteva stringendomi i fianchi abbronzati e toccando il clitoride con la mano poi mi girò e si mise sotto di me,mi sembrava di avere un missile dentro che usciva e entrava con tale violenza che urlai talmente tanto quando venni che le gambe mi cedettero e mi accasciai su di lui che inondo ' il divanetto di sperma schizzandola dalla cappella e io squirtai di nuovo. non so che scusa inventò alla moglie per tutte quelle macchie sul divano...fatto sta che da quel giorno ogni volta che i miei vanno a cena da loro io mi faccio scopare o me la faccio leccare di nascosto. non riesco a fare a meno del suo cazzo e della sua lingua.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 5): 6.6 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10