STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
la donna col cazzo sotto la pioggiacamillaal cinemaAbuffata di corna...alla frontieraFABIOLA E IL MIO CAZZO NEL CULO.finalmente la vacanza ke desideavoLa cabina
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

cornuto e inculato
Mi chiamo Carlo sono sposato da 10 anni. Io ho 38 anni mentre mia moglie ne ha 33. Si dal primo giorno che ho conosciuto mia moglie ho sempre creduto di essere geloso, il solo pensiero che mia moglie mi potesse tradire mi ha sempre turbato terribilmente. Tra me e la mia consorte c'è sempre stata reciproca stima e fiducia, però visto il fisico di lei, ho sempre avuto il timore che qualche suo collega di lavoro ci potesse provare, e, insisti oggi insisti domani, temevo che primo o poi lei potesse cedere. Dopo un po di tempo mi accorsi che per me era diventata una fissazione. Più passava il tempo più mi convincevo che tutti i miei sospetti potessero diventare reali. Ormai non stavo più tranquillo, la spiavo quanto potevo, osservavo tutti i giorni il suo abigliamento, e a volte ne criticavo la scelta, ma a lei non dicevo nulla.
Tutto veniva ulteriormente accentuato dal tipo di lavoro che svolgo, che spesso mi fa stare diversi giorni fuori casa.Ogni volta che parto per più di un giorno è un incubo. Temo che in mia assenza mia moglie possa tradirmi, e quindi durante il giorno non faccio altro che telefonare, cercando ogni volta una scusa.
Un giorno partii per Milano ( da Palermo)dovevo starci quasi tutta la settimana, era lunedì. Arrivato a Milano, dove nei diversi giorni dovevo svolgere dei compiti, mi fù comunicato che alcuni degli appuntamenti erano stati spostati al mese successivo e che la sera stessa sarei ripartito nuovamente per Palermo. Volevo telefonare a mia moglie, ma dissi le farò una sorpresa. Partii da Milano alle 10 di sera, arrivai a Palermo attorno alle 12. Verso le dodici e mezzo presi la macchina che avevo parcheggiato in un garage e mi avviai verso casa che dista da palermo circa 100 Km e ci vuole circa un ora e mezzo di tempo. Arrivato a casa, visto che erano quasi le due cercai di non fare rumore. Aprii la porta lentamente, entrai e la richiusi piano piano. Lentamente mi avviai verso la cucina, ma gli occhi mi andarono verso la camera da letto, vidi che c'era l'abajur accesa, cretetti che mia moglie fosse ancora sveglia e mi avviai per salutarla. Arrivato davanti alla porta mi si presentò una scena raccapricciante. Mia moglie stava dormendo, ma non da sola con lei c'era un altro uomo, dormiva anche lui ed erano tutti e due completamente nudi. Alla vista di quello spettacolo non sapevo che fare se svegliarli e fare un macello o altro, ero completamente confuso. Ad un tratto mi accorsi che il mio cazzo era diventato molto duro, in sostanza ero molto eccitato, capii che quella scena mi turbava ma nel senso erotico della parola, in poche parole vedere mia moglie nuda tra le braccia di un altro uomo mi faceva eccitare particolarmente. Allora decisi di non farmi sentire e stare li per vedere ciò che poteva succedere dopo. andai in cucina bevvi un po di acqua e sedutomi su una sedia pensavo a quella situazione. Ad un tratto sentii del rumore provenire dalla stanza da letto, subito spensi la luce e mi nascosi nello scabuzzino che c'è nel corridoio. Dopo qualche minuto sentii i due prima lei e poi lui andare in bagno, dopo di che ritornarono subito nella stanza da letto. Feci passare alcuni minuti e, uscito dallo sgabuzzino andai a sbirciare per vedere cosa stessero facendo. Li trovai distesi sul letto che si baciavano, si leccavano, e dopo un pò di preliminari lui si distese a pancia in su e mia moglie gli si mise a cavalcione facendosi penetrare fino ai coglioni. comincio ad andare su e giù con un certo ritmo, dopo un pò cambiarono posizione, lei si mise alla pecorina e lui con un colpo secco la inforcò. Sul momento mi era parsa una normale pecorina ma poi mi accorsi che non l'aveva inforcata nella figa ma nel culo. Assistetti alla scena fino alla fine , più guardavo più ero contento di ciò che stava accadendo. Si erano fatti ormai le quattro, lentamente uscii di casa, presi la macchina e me ne andai in un paese nelle vicinanze dove andai a passare la notte in un piccolo albergo. La mattina seguente andai a lavorare ( il posto di lavoro è a circa quaranta Km dal mio paese). Finita la giornata lavorativa passai il resto della giornata tra cinema e ristorante. Aspettai che si facesse unpo tardi per ritornare a casa per vedere se la scena della sera precedente si fosse ripetuta. Parcheggiai la macchina in una stradina vicino casa e a piedi mi avviai. Presi l'ascensore, arivai al quarto piano, dove abito io, usci dall'ascensore e lentamente mi avvicinai all porta , ma mentre stavo per infilare la chiave udii delle voci e delle risate provenire dalla ma dentro, capii che era ancora presto, ripresi l'ascensore e me ne usci per far passare un po di tempo. Mentre camminavo però pensai a quanto avevo sentito e riflettendoci un attimo capii che non si trattava di una sola voce di uomo ma di almeno due. Subito mi venne un ansia di ritornare per andare a vedere . Feci passare un mezzoretta e mi catapultai a casa. arrivato dietro la porta cercai di origliare ma non sentivo nulla , allora mi feci un po di coraggio aprii lentamente ed entrai. come la sera precedente c' era l'abajur accesa, ma sta volta non si dormiva si scopava. Mi avvicinai lentamentee quando fui davanti alla porta mi si presentò una scena che mai avrei immaginato. Mia moglie nuda sul letto, attorno a lei non un uomo, ma tre, si erano proprio tre che se la sbattevano anche contemporaneamente. Io ero ormai troppo turbato, non capivo più nulla, tirai fuori il mio cazzo e cominciai a farmi una sega, ero talmente accitato che non capii che stavo gemendo e che tutti si erano accorti della mia presenza. A quel punto fu mia moglie a dirmi: Sei soddisfatto ora? non era questo che volevi gran pezzo di cornuto frocio, ora fotteranno anche te, mi tirarono verso il letto mi fecero spogliare mi fecero mettere a 90 gradi e uno di loro con l'aiuto di un po di crema mi ficco il suo cazzo nel mio culo. Sul momento sentii dolore ma dopo sentii piacere.
Da quella sera queste scene si ripetono spesso. Ormai conosciamo un giro di uomini che quando ne hanno voglia loro o noi vengono a casa nostra per fottersi mia moglie e anche me.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 1753): 6.58 Commenti (85)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
RSS feed Sei eccitato? Se vuoi divertirti da solo o vuoi provare qualcosa di diverso con la tua lei, visita questo Sexy Shop, troverai tanti toys interessanti e molto altro.