STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
In campagna con la ragazzinaLa divorziata in calore.grazie maritino miogiornata movimentataPer caso, mai più amici come prima.Dario92Diario di una schiavaHO SKOPATO IL MARITO DI MIA SORELLA
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

VOLEVO COMPRARE UN ANELLO ED INVECE........
Scritta da: paradisic (1)

Ciao mi chiamo Carolina e quello che vi sto per raccontare è relamente accaduto. Io sono una ragazza di 19 anni alta 1.75, occhi verdi,capelli castani,labbra carnose e dicono che ho un bel fisico......culetto sodo a mandolino e una bella fighetta depilata, purtroppo non sono molto prosperosa per quanto riguarda il seno, anche se a me piaccio così. Per quanto riguarda il sesso sono di larghe vedute: ho qualche fantasia lesbica(realizzata....)e se eccitata al momento giusto sono una vera porcellina. Un giorno di settemnbre mia madre, come ogni anno mi diede i soldi per comprarmi il mio regalo di compleanno che qualche giorno più in là avrei festeggiato.
Quella mattina mi vestì provocante: minigonna con sotto un perizoma a filo interdentale,scarpe aperte con tacco alto, e un top senza reggiseno.
Il trucco non era da meno......
Mi ero vestita in questo modo perchè credevo di riuscire grazie alle mie forme a far colpo su un gioielliere che avevo addocchiato da tempo, perchè avevo deciso che il mio regalo di compleanno sarebbe stato un anello. Mentre camminavo per arrivare in gioielleria studiavo mentalmente alcune mosse e alcune frasi da dire per colpirlo; non appena mi trovai difronte alla porta d'entrata lo vidi.....
Era bellissimo. Il completo elegante che indossava lo rendeva più affascinante tanto da farmelo desiderare ancora di più.
Con una timidezza inaspettata suonai il campanello. Lui alzò lo sguardo.....e mi fece entrare.
"buongiorno,posso servirla in qualcosa?"
"si....vorrei vedere qualche anello per me."
Lui con molto gentilezza mi fece accomodare e con altrettanto garbo cominciò ad espormi gli anelli che mi potevano interessare. mentre parlava,dandomi tutte le informazione necessarie,io nemmeno stavo a sentirlo.......
ero rapita dalle sue mani,così sensuali.....
il mio sguardo esplorava ogni centimetro del suo corpo.....l'anello,i soldi,tutto quanto era scomparso.....l'unica cosa ke desideravo era scoparmelo. Sentivo già calore in mezzo alle gambe,non riuscivo più a stare ferma.
"Le dispiacerebbe farmi vedere gli altri anelli che ha nel retro?" Lui rimase un pò perplesso.... Però alla fine,con un luccichio negli occhi,accettò.
Lo seguì,speranzosa che il mio desiderio venisse soddisfatto. Il retro era molto caldo,ma accogliente: un divano,una scrivania,un buon odore di legno. Decisi di giocarmela fino in fondo. Accavallai le gambe spudoratamente,lasciando le cosce libere allo sguardo. Lui non potè fare a meno di appoggiarci gli occhi per qualche secondo. Era fatta.
"Mi dica signorina,che cosa le interessa in particolar modo?" ....non so perchè,ma in quella domanda vidi un doppio fine malizioso.
"Bè" risposi,sistemandomi "casualmente" il top, "a me questo anello piace moltissimo" dissi,prendendo tra le dita il piccolo cerchio d'oro, "l'importante è che non ci sia qualche problema nell'infilarlo........."
giocai spudoratamente la mia chance.
"No,signorina,come potrebbe esistere mai questo problema?è talmente bella che le sta bene tutto......" arrossì involontariamente.
ormai la situazione aveva preso una piega,e di certo non si poteva tornare più indietro.
"guardi se vuole posso provare a infilarlo io al suo dito..." "Ok,va benissimo!"
Si alzò e si diresse verso me con fare elegante. Prese il mio dito e ci infilò l'anello che scivolò perfettamente.....ma mentre faceva tutto questo,si avvicinò al mio collo e lo baciò con la lingua. Non potevo desiderare di meglio!!!
Subito ricambiai il bacio,ma questa volta tuffai la mia lingua dentro la sua bocca. Le nostre lingue si cercavano e sembrava non volessero staccarsi più. Nel mentre mi sentivo tutto il perizoma bagnato e la figa bollente che non ce la faceva più a stare intrappolata dentro quella prigione di stoffa. Lo buttai sul divano e iniziai a spogliarlo completamente. Lui fece lo stesso con me. In pochi secondi ci ritrovammo completamente nudi e vogliosi. La mia voglia era talmente tanta che iniziai subito a leccargli il cazzo. Leccai piano piano le palle e poi su fino alla cappella senza mai staccare la lingua dal suo palo. Lo sentivo gemere. Decisi di farlo impazzire; indirizzai la mia lingua sul suo perineo e gli e lo leccai senza sosta: ogni leccata un gemito che diventava un lamento di piacere. Il suo cazzo ormai era durissimo e non aspettava altro che la mia lingua. "Guarda guarda questa puttanella....così giovane e sai come far godere un uomo?.....sei proprio una puttana....." quelle parole non fecero altro che eccitarmi ancor di più,e la mia figa rispondeva. Inizia a succhiarglielo sempre con più foga usando solo la bocca,mentre con l'altra mano gli massaggiavo le palle "Ah si,continua così,sei proprio una troia,continua non fermarti" No. il gioco l'avevo iniziato io e si faceva come volevo io. mollai il suo cazzo eretto e gli salì di sopra....lo puntai verso la mia figa bagnata e mi abbassai.....entrò meravigliosamente. La sua carne dentro la mia carne mi eccitò tantissimo,finalmente stavo scopando l'uomo che avevo desiderato per giorni. Il mio bacino inizio a fare avanti e indietro,su e giù,la mia figa voleva sentirlo bene. "Se continui così ti esplodo dentro troietta" "No,questo è solo l'inizio.....voglio invece che mi esplodi nel culo." Mi staccai da quel meraviglioso cazzo e mi misi a pecora sempre sul divano. Questa volta lui si mise in piedi per terra e dopo aver bagnato con della saliva il mio culo,iniziò a spingerci dentro quella sua asta dura. "Ne hai di esperienza eh? a 19 anni e già lo prendi in tutti i buchi che hai.....ora ti faccio godere io puttana." Lo infilo tutto dentro,e senza fare piano iniziò a spingere violentemente. Il dolore si fece sentire nelle prime spinte,ma poi il mio culo si aprì e quello che sentivo era solo piacere.
In breve tempo i nostri gemiti si trasformarono in urla,urla di piacere,godevamo come pazzi; il suo cazzo usciva ed entrava,usciva ed entrava,e la mia carne godeva sempre di più. "Scopalo tu il cazzo,scopalo con il culo dai,che ti esplodo dentro,ti riempio tutta." Allora concentrai tutta la forza sul bacino ed iniziai a fare aventi ed indietro,scopandomi quel palo bellissimo. Pochi secondi e senti tutto quel liquido caldo invadere il mio intestino.....mi aveva eccitato così tanto il calore del suo nettare che bastarono pochi massaggi e la mia figa venne come non mai...... tutta la mia sborra calda ricopriva la mia mano.
Alla fine purtroppo ci dovemmo ricomporre.
"Sei proprio brava a scopare sai....e chi ti molla più......ormai sei la mia puttana...."
un lunghissimo bacio con la lingua sigillò quel momento.......
Da allora ci vediamo molto spesso.....
e di certo non mi infila l'anello al dito,ma qualcos'altro in un 'altro posto............................................

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 87): 7.06 Commenti (15)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10