STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
agli ordini, mia schiava!Very Hot...mai dire mai...cosa direbbe.............la donna col cazzo sotto la pioggiapausa caffèCALDA MATTINA IN UN CIMITEROLa sorella del mio migliore amico
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Telefonata erotica
Scritta da: whitebigmandingo (5)

Vi devo raccontare cosa m'è successo l'altra sera.
Divido da un pò di tempo casa con una studentessa di architettura, alta 1 e 70 circa, un bel culetto ed una terza abbondante. Lei è fidanzata con un ragazzo che vive nei pressi di Reggio Emilia per motivi di lavoro. Di giorno la punzecchio sempre per capire fin dove posso spingermi. Mi accorgo che a tratti sembra innervosita dalle mia avance. Quando la vedo uscire dal bagno con solo l'asciugamani addosso la rimprovero:"Vedi che sei tu che mi provochi?". Lei si copre il viso coi suoi capelli biondi e sghignazza famelica. E' oramai da molto tempo che non si vede col suo ragazzo così insinuo tra i suoi pensieri l'ombra dei tradimenti:"Un ragazzo che lavora lontano dalla ragazza lo cerca il tempo per raggiungerla almeno per un paio di weekend al mese, visto che il sabato è libero tutta la giornata e al lunedì riprende sollo alle 2 del pomeriggio. Ciò comporta che si possa sfogare con qualcun'altra." "Stasera vedrai che lo soddisferò io!!!". Così d'un tratto la sera sento dalla camera mia strani discorsi. Lei era al telefono con l'auricolare bluetooth:"Sono in camera tutta sola e penso a te che ti masturbi lentamente, così mi tocco prima un semo poi l'altro e scendo fin dentro le mutandine...".
Non resisto ed entro in camera, le mi guarda con uno sguardo inviperito, continua a parlare così ne approfitto per andarmi a sedere sul letto. "Ora è come se tu fossi con me qui sul letto che mi guardi e mi mangi con gli occhi" così le sfilo lentamente i pantaloncini, lei continua a inviarmi sguardi inviperiti, ma descrive minuziosamente tutte le mie azioni come se fosse lui virtualmente a effettuarle. Lo sguardo è sempre quello d'ammonizione. "Ora sei sul mio seno mi hai sfilatto la magliettina e mi stai piccicando i capezzoli, ora liiii baci dolceeemeeente, come sei braaavoo, ti accarezzo mentre passi all'alto, siii aaancoora, che fai no le le le mutandine no."

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 31): 4 Commenti (8)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10