STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
in gita a l'elbaMarika Jessika e il nipoteFerragosto-bagno di mezzanotteil mio collega GinoMia moglie ...e i guardoniviolentato dalla badanteSogno ProibitoSesso dopo la disco
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Miriam il mio sogno diventato realtà
Mi chiamo Alessandro ho 33 anni, sono un ragazzo piuttosto dinamico, mi curo il giusto sia fisicamente che come aspetto, e quella che sto per raccontarvi è stata un'esperienza fantastica, Finalmente si è avverato il mio sogno, tutto ciò che aspettavo da tempo.. farmi una gran bella chiavata con una donna matura. Ottobre 2017, aria leggermente frizzantino giornata molto bella mi trovo in treno a Genova direzione alessandria. Sono le ore 7:42 della mattina il treno a pochi attimi lascia la stazione di Brignole per tirare dritto a nord. Sono nella terzultima carrozza, uno dei nuovi treni di quelli moderni. Nella carrozza siamo io una coppia di anziani in fondo alla carrozza e seduta al mio fianco dalla parte del sedile di là una donna mora molto carina sui 45-50 anni. Lì per lì non le do molto caso sono con il telefono in mano, qualcosa mi fa distogliere lo sguardo dal telefono.. mi sentivo osservato, alzo la testa ed era lei che mi guardava.. resto impietrito, Dio quanto è bella dico dentro di me occhi azzurro acqua capelli castano scuro con riflessi rossi sul poco fin sotto le spalle.. non tanto alta fisico giusto ma molto ben curata.. a occhio una donna da taglia 44.. la vedo che mi fa un sorrisino e mi domanda se quello dov'eravamo sopra come te non si sarebbe fermato ad Acqui Terme e io le rispondo di sì. Finisce lì il dialogo molto breve, osservo le sue mani in quella sinistra noto una vera nuziale Quindi ho dedotto che fosse sposata. Basta una manciata di minuti in treno annuncia la partenza Lei si alza quasi seccata e si viene a sedere nei due sedili restanti di fronte a me scusandosi per il disturbo ma perche da quella parte lì dove era seduta prima le dava fastidio il ventilatore e sentiva uscire aria dall'impianto di riscaldamento. Accolgo le sue scuse molto felicemente rassicurandola assolutamente di non preoccuparsi. Di nuovo un po' di silenzio Ogni tanto il mio sguardo si incrocia va con il suo, superiamo la galleria della stazione di Genova Principe ogni tanto qualche caduta di occhio al sorriso Quanto era bello sembrava una ragazza giovane ma ero troppo preso da lei i suoi occhi e il sorriso davvero stupendi, e poi quelle sue labbra belle carnose non tanto grosse appena appena sporcate con un po' di trucco rosa forte.. E poi le punto il seno, una giacca non tanto pesante ma molto delineante che le segnava il seno bello sodo.. a occhio direi una terza abbondante.. erroneamente la riguardo di nuovo dritto negli occhi questa volta era lei ad avere il telefono in mano si sentiva osservata da me e alzando la testa mi fa un sorriso mi scoppia a ridere... un po' vergognato mi giro dall'altra parte e poi la riguardo e le dico "scusa ma non riesco a smettere di guardare i tuoi occhi il tuo viso sono davvero molto belli..." vedo lei che apre leggermente la bocca la richiude e sgrana gli occhi e mi fa un sorriso di conquista ringraziandomi per il complimento.." Adesso capisco perché mi osservi mi risponde ti ringrazio davvero Spero che sia sincero il tuo complimento, "le dico di sì che lo era davvero..si gira verso il vetro della carrozza per guardare fuori poi mi riguarda e mi dice E comunque ho anche un marito che dovrebbe essere il primo a farmi i complimenti.. le chiedo se non fosse infastidita per il complimento ma mi sembrava non logico arrabbiarsi, ma lei mi risponde di no continuando a finire il discorso che dovrebbe essere mio marito a farle i complimenti non io e invece lui sembra che si fosse dimenticato di lei da un po'.. continua la conversazione chiedendo a lei come fosse possibile perché la ritenevo davvero una donna molto bella. Probabilmente aspettava qualcuno con cui potersi aprire oppure magari sputare il rospo ma comunque non era una di molte parole dicendomi purtroppo l'uomo quando arriva una certa età si dimentica della moglie perché gli piace guardarsi in giro.. e poi ridendo mi chiede "ma con tutte le ragazze che puoi trovare visto sei un bel ragazzo un bel ometto ti vai a soffermare sul mio viso e sui miei occhi? Comunque piacere Io sono Miriam" e io Piacere mio "Miriam sei veramente bellissima Ti ribadisco io sono Alessandro" lo faccio apposta e gliela butto secca li guarda io preferisco molto di più perdere il mio tempo a guardare una donna bella che merita Piuttosto che guardare una ragazza che per quanto mi potrà arrivare davanti anche quella più bella del mondo per me una donna sopra una certa età vale più di centomila ragazzine che ci sono adesso, si intravedeva il suo imbarazzo virgola ma allo stesso tempo la sentivo come se stava cedendo alle mie tentazioni.. " va bene dai, Ti credo Si vede che sei un ragazzo sincero.. sei molto diretto, Dimmi la verità ti prego.. non sei fidanzato vero?" la guardo in silenzio dritto negli occhi " no altrimenti mi sarei limitato con queste attenzioni verso di te Ma se ti sto infastidendo cambio sedile"..apre la borsa mettendo il telefono dentro chiudendo la zip riposa la borsa sull'altro sedile vuoto mi osserva e mi dice "ok voglio crederti.. ti avevo notato anche prima sei davvero un bel ragazzo, difficilmente mi lascia cadere in tentazioni anche se dentro di me mi basta uno sguardo per capire quando uno mi piace o è il mio tipo. Io purtroppo sono sposata ma in questo momento non sono felice con mio marito sono quasi 3 anni e mezzo di presenti alti e bassi, ho sempre pensato di cercare una settimana per me per starmene un po' da sola e capire quello che voglio soprattutto se davvero ho bisogno di essere coccolata e capita da qualcun altro che mi Ti amo un pochino più di attenzione di mio marito.. abbiamo un figlio di 21 anni che è già partito a Londra e sta facendo l'erasmus pensavo che senza la sua presenza ci aiutasse ad avvicinarsi un po' di più con lui ma invece lo sento freddo e distaccato nei miei confronti. Tempo fa sono stata da una cartomante per farmi leggere i tarocchi e la cartomante dalle carte mi ha confermato che lui mi ha tenuto nascosto una ragazza giovane con cui Deve essere successo qualcosa. L'ho già messo all'appello ma Lui nega tutto e dice che sono io che sono frustrata che ho bisogno di andare da una psicologa.. una mia amica tempo fa mi ha confermato di averlo visto in più di un'occasione girare con una ragazza giovane in macchina e accompagnarla sotto casa, ho chiesto a lui chiarimenti anche di questo e mi ha ho risposto che è una giovane stagista appena uscita dall'università il quale un collega gli ha chiesto gentilmente di occuparsene nell'accompagnare a casa in quanto il viaggio dal lavoro fino a casa è parecchio lungo.. e inoltre molto seccato quella sera mi ha risposto che se avessi continuato con queste paranoie sarebbe stata la volta buona che lui ci avrebbe spudoratamente provato con quella ragazzina,.. mi sono sentito davvero schifata tu non ne hai un'idea ci ho provato ad avvicinarmi per capire se lui stesse scherzando o cosa mi ha solo portato fuori a cena a San Valentino da quella volta abbiamo avuto un rapporto sessuale poi ancora una volta Quest'estate ma non lo sento più come prima e anche io riesco a capire se lo voglio ancora o no"... rimaniamo in silenzio la guardo e gli rispondo "mi dispiace veramente tanto.. sei una donna stupenda e sei molto dolce dalla voce meriti qualcuno che ti dia tanto affetto ma se tuo marito è così.. Non devi essere tu a dargli delle lusinghe... Specialmente se la tua paura è quella che ti abbia tradito Dovresti restituire pan per focaccia".. mi guarda e mi dice" io sono sicura che lui lo abbia fatto non ho la prova concreta Ma me lo sento che mi ha tradito.... Senti scusa una domanda dove scendi tu? Hai per caso degli impegni importanti?.. prendo un sospiro un po' emozionato" scendo ad Acqui. No vado a ritirare il mio camion per la ditta per cui lavoro".. sembrava come se lei volesse quasi cambiare i suoi programmi " Senti io andavo da una mia amica però le facevo una sorpresa solo il lavoro Diciamo che posso anche andarci un'altra volta Ti dispiace se posso stare con te? Così magari ci andiamo a prendere anche qualcosa da bere insieme..".. come avrei fatto a dirle di no completamente da solo senza impegni senza vincoli" Certo che sì mi farebbe molto piacere Sarei molto felice di ciò"... teneva le sue mani sopra le sue gambe mi viene l'istinto di avvicinarmi con le mie e prenderle.. ce le stringiamo insieme.. anche se In un primo momento il suo istinto è stato quello di tirarla indietro Quasi come guardarmi per dire cosa stesse facendo, ma poi ha spezzato quel poco imbarazzo che si era creato... mi guarda e mi dice che era tanto che non sentiva prendersi per mano da qualcuno è sentirsi stringere le mani.. giuro che in quel momento avevo il cazzo che era duro di marmo più la guardavo più avevo una gran voglia di portarla in bagno per farmelo succhiare da quelle due labbra che da quanto erano carnose mi avrebbero fatto subito esplodere di piacere.. mi guarda e mi chiede da quant'è che non stavo più con una ragazza sicuramente la sua domanda aveva il doppio senso come per dire quant'è che non lo facevo, le dico che erano già diversi mesi che non mi ero più impegnato nel nulla nemmeno avventure... Intanto il treno prende la tratta per andare in Piemonte.. abbiamo già Superata la tratta di Sestri Ponente, la tengo per una mano L'altra ce l'ho libera poggiata sul sedile le chiedo se le andava di appartarci avevo voglia di chiederle un bacio... ci fissiamo in silenzio poi la vedo che guarda in basso puntando la sua borsa e la sua giacca... mi sospira quasi a bassa voce Un "va bene" poi mi guarda e sorride... raggiungiamo la penultima e ultima carrozza deserto nessuno in coda al treno fino a che non arriviamo nell'ultima il locomotore con il bagno completamente libero e la porta della sala macchina socchiusa. Volevo un attimo di tranquillità con lei stavo decidendo un posto però non sapevo cosa sarebbe successo dopo e vedevo che anche lei si sentiva ormai magnetizzata e dipendente dalle mie azioni. Portarla in bagno mi sembrava poco romantico ma almeno avrebbe nascosto di più la nostra intimità e poi guardavo anche la sala macchina della locomotiva in coda al treno completamente libero e pensavo dentro di me Chissà mai si fosse accorto mai qualcuno di due estranei che l'avrebbero occupata per avere un po' di intimità ma purtroppo anche le telecamere in servizio nel treno.. il bagno sito nella locomotiva offre un locale molto ampio rispetto a quelli situati in carrozza, è stato quello il posto dove ci siamo chiusi mettendo anche la sicura certi del fatto che nessun controllore era passato ancora per chiedere i biglietti.. la aiuto a posare la giacca e la sua borsa sopra un tavolino, il fasciatoio dei bambini e poi sopra a tutta la sua roba anche la giacca mia.. non faccio in tempo a girarmi lei si avvinghia su di me stringendo le sue braccia intorno al mio collo, si sentiva mia... ricordo di aver chiuso gli occhi un secondo e subito dopo le sue labbra la sua lingua si fiondano dentro la mia bocca in quel momento tutte le sensazioni più stupenda della mia vita mai baciato due labbra Così carnose Così morbide così calda e la sua lingua da donna calda matura dentro la mia bocca a cercare continuo contatto con la facendomi sentire il sapore della sua saliva con l'aroma di fragola Il chewing gum che da poco aveva finito di masticare... è stato un bacio lungo quasi 2 minuti e mezzo le nostre mani che poi scendono sempre più in basso finché non si vanno a cercare la nostra parte più segnate, io il suo caldo e sodo seno è lei che scende sempre più in basso con le mani fino all'altezza del mio addome e i pollici distesi in giù sotto il bottone che chiude mia pantaloni, si accorge Dì qualcosa che lì sotto eh già reattivo mostrando segni di spinta verso il fuori.. i suoi 2 pollici tastano per capirne l'entità e in quel momento tutti e due li ho sopra il mio cazzo che glielo muovo sensibilmente grazie ai muscoli inguinali per farle capire che volevo me Lo toccasse.. le sue mani piano piano scendono ancora più in basso le ho tutte e due sul mio cazzo che stava esplodendo, con uno non perde tempo a sganciarmi la cintura aiutandola con la mia mano a sbottonarmi i jeans e l'altra sua mano si infila già dentro per prendermelo tutto quanto, ma la mia Miriam in quel momento era eccitata al massimo si stacca con la bocca della mia lingua e con un filo di voce mi dice" mi ecciti tanto dai continua Voglio fare l'amore con te Voglio il tuo cazzo nella mia patata"... continuiamo, sbottono la sua camicetta che Ma quanto le sue tette erano gonfie con fatica non era facile sbottonare i bottoni.. Ma alla fine ci riesco pian piano ad arrivare fino in fondo mentre lei mi sta pian piano calando i pantaloni e i boxer per liberare tutta la mia zona del mio uccello. Ho già le mie mani dentro le sue tette Campiano calo anche le bretelle del reggiseno ad ecco li, due tette fantastiche sembrano disegnate capezzolo duro e alveolo piccolino sembrano le tette di una ragazza di vent'anni belle dure belle sode belle grandi per essere una terza abbondante... " quanto sei bella Miriam ti voglio tutti i giorni della mia vita Sei fantastica".... mi guarda mentre inizia a maneggiare il mio cazzo su e giù e mi tasta tutta la mia zona genitale notando la mia pelle morbida e liscia neanche un pelo di troppo accarezzandomi anche alla base e sentire le sue unghie da donna ricca di femminilità che mi accarezzano i miei coglioni Mentre con l'altra mano me Lo continuava a scappellare.. la vedevo che lo puntava quasi come se era curioso di assaggiarlo in bocca " non ti preoccupare io e te continueremo a vederci,".. Questa è stata l'ultima parola poi la sua testa scende in giù e le sue gambe si inarcano e la sua bocca si spalanca piano piano.. esce prima la sua lingua calda e dolce che poco prima mi aveva lasciato il suo sapore di saliva squisito dentro la mia bocca, inizia a leccarmi la Punta della mia trave bella dura e pian piano la sua bocca affonda dentro e le sue labbra iniziano a succhiarlo tanto forte.. si poteva notare da come quelle due labbra carnose stupende messe in opera si gonfiavano scorrendo su e giù con una forza eclatante.. lo sentivo che le picchiava in fondo alla gola, non faceva forte ma ci dava con decisione nonostante non lo riusciva a tenere tutto in bocca ma continuava, continuava a manovrare come ormai se avesse preso la piena padronanza, come se fosse tutto suo.. avevo un formicolio che partiva dal mio collo e scendeva fino al petto un piacere immenso mi stavo trattenendo perché mi veniva voglia di venire.. si stacca un attimo e prendo un attimo di pausa e mentre me lo continua a segare la mia mano era in mezzo ai suoi morbidi capelli e mi piaceva molto accarezzarla.. " sei un ragazzo dolcissimo, mi piacciono tanto le tue mani così delicate che mi accarezzano la testa.. e il tuo cazzo è così bello e grande.. Non vedo l ora me lo metti dentro"... E continua a succhiarmelo, per non perdere un attimo di quel bellissimo momento e sicuramente per tenermelo sempre duro al massimo... dalla foga si capiva che era molto tempo che non aveva più rapporti, Ma la lasciavo fare... si stacca e finalmente si tira su forse era arrivato il momento di poterla infilzare quando ormai aveva già una gran voglia di chiavare bella che in giostra.. ma prima volevo tastare i suoi umori, le abbasso i suoi leggins e la mia mano si infila subito nella sua patatina bella bagnata dove si sentono dei peletti molto morbidi e corti.. le mie prime due dita arrivano al suo clitoride bello bagnato dove mi viene una gran voglia di provare a infilarle 2 dita.. premo un po' dolcemente affondano le mie due prime falangi dentro, la sento smaniare di piacere mentre mi sta facendo sentire la sua bocca che si strofina sul mio orecchio sinistro. Il mio cazzo preme sulla sua pancia come dirle Dai vieni fammi entrare Lì dentro.. era bagnata al punto giusto, il mio suppostone sarebbe affondato in un battibaleno lì dentro, sfilo piano piano via la mia mano dalla sua fregna bagnata la sollevo per il culo mettendola a cavallo sopra la mia pancia, la poso leggermente sul tavolo del fasciatoio.. riprendiamo a baciarci, la sua lingua si immerge di nuovo nella mia bocca, le sue unghie si piantano nei miei fianchi e in pieno austerio mi porge il suo ventre sulla punta del mio sesso.. Premo pian piano, entro.. Sento un po di attrito ma è bagnata.. Le esce con in filo di voce spiccato, un stridulo di piacere che lo accompagna con una piccola spinta definitiva per far affondare il mio organo tutto dentro al suo ventre.. Le sue mani scendono nelle mie natiche, mi spingono con forza contro di lei che mi invita a continuare "quanto é bello dio mio, quanto ti voglio.. Quanto é grande"... La mia mano dietro il suo collo che sorregge la sua testa, i suoi capelli morbidissimi me la scaldano, mentre l altra piantata dietro il suo culetto bello sodo che preme per schiacciarmela contro le nie palle che sbattono a tutto andare sulla sua vagina.. potevo provare quanto era eccitata no si soffermava un secondo di ansimare dal piacere mentre i suoi stupendi occhi azzurri mi magnetizzavano.. la sua bocca aperta di quel tanto che la sua lingua usciva fuori ogni tanto e la sgrullava per volere anche la mia.. i nostri baci durante la scopata ci eccitavano tanto... il suo sedere ormai era completamente appoggiato sul tavolo col fasciatoio.. ormai potevo levare la mano e andare a tastare il suo seno avevo una gran voglia di succhiarlo. Mi stava lasciando fare " hai due seni che sono qualcosa di fantastico Madre Natura ti ha fatto perfetta come una scultura"... " Amore mio sono tutta tua Mangiatelo il mio seno Alla faccia di quello stronzo di mio marito che d'ora in poi si sognerà di avermi perché da ora in poi sarò tutta tua"... le sue dita mi scacciarono ancora più forte sembrava che stesse venendo ma c'eravamo quasi anche io sentivo già il mio cazzo esplodere.. mi supplicava di continuare.." amore Dio mio Quanto sei bello quanto ti voglio non ti fermare sono protetta"... All'improvviso sento un calore dentro la sua fregnetta ho qualcosa di veramente fantastico Si era bagnata come una grande vacca in calore il mio cazzo non ce la faceva più ed esplose tutta dentro di lei che in quel momento non capì più nulla ma era imbarazzata nel farsi sentire dal piacere e preferì continua armi a baciare per sfogare continua armi a baciare per sfogare il il suo ansimo ti piacere dentro la mia bocca mentre mi teneva dalla testa e mi premeva contro di lei, Il suo ventre completamente tutto trafitto dal mio pistolone, mentre giu dalla sua vagina colavano o nostri liquidi di belli caldi.. Mi guardava imbarazzata.. inizio a darmi tanti bacini dolci sulle guance e sulla bocca sei dolcissimo, sei dolcissimo Sei il mio angelo"... " Grazie anche tu sei bellissima è stato davvero fantastico sei la donna dei miei desideri e miei sogni".. la aiutai a vestire, nel mentre ci Stavamo pulendo con dei fazzoletti di carta.. mi lanciava qualche occhiata e mi domandava se ero sicuro devo averla a fianco a me tutto il giorno e se avrei voluto continuare a vederla... le dissi di sì che sarebbe stata la cosa più bella che volevo... mi guardo e mi fece un cenno con la testa come dire Va bene... Uscirti vestiti dal bagno sentiamo treno che si fermò alla stazione di mele andai a sedermi con lei nella penultima carrozza.. Eravamo abbracciati, come due innamorati... me la coccolavo tutta e me la guardavo la ammiravo quanto è bella per essere una donna della sua età ma alla fine la curiosità Mi portava a domandargli l'età. Finalmente mi regalò qualche input suo in più, 46 e io 33. Arrivai ad Acqui Terme con lei fuori dalla stazione abbiamo dovuto percorrere quasi 400 metri a piedi Mentre iniziavamo a raccontarci un po' della nostra vita.. avevo capito che tra me e lei Stava nascendo qualcosa ma mi chiedeva tempo perché non era facile instaurare una relazione tra noi due in un momento come quello soprattutto perché non voleva che arrivasse alle orecchie del marito e non riusciva a reggere due cose contemporaneamente.. Infatti mi domandavo se mi avrebbe fatto piacere frequentarla per questi momenti dolci tra di noi inizialmente.. non potevo dirle di no. arrivai dal camion, prese il telefono e chiama la sua amica dicendo che aveva perso il treno e non riusciva andare da lei. La sua amica la tranquillizzó.. ritiro il camion ormai si era fatta quasi mezzogiorno... la nostra intensa chiamata ci avevo acceso il languorino , avevamo trovato una trattoria aperta dove ci eravamo recati per mangiare . Le domando se doveva sentire a suo marito, mi rispose No perché non era da loro sentirsi nell'ora di pranzo.. tramava qualcosa come se avesse ancora intenzione di finire l'epilogo della giornata con me" vedi con qualcuno ale? Hai dei programmi stasera?"...." io vivo da solo Comunque non ho programmi stasera... l'unico programma che vorrei se posso stare con te..... " mi vuoi tentare.. Devo studiarmela bene con mio marito però non ti prometto nulla..."... "Ok.. Sappi non ti costringo al di là di tutto...".. " non ti preoccupare non mi stai costringendo, Sono io che voglio stare con te Non ti preoccupare lascia fare a me"... Torniamo sul camion partiamo pian piano per genova. Occasionalmente riesci a chiamare il marito, che raccontandogli Quella dell'uva chi menziona che la sua amica non sta tanto bene ed è da sola a casa e aveva bisogno di qualcuno che poteva restare lì. Lei avrebbe avuto piacere di rimanere in compagnia della sua amica, il marito sembrava non affatto dispiaciuto anzi ben volenteroso che lei rimanesse dalla sua amica.... finita la telefonata mi guardó con un sorriso.. " Hai visto Ti ho dato conferma di quanto mi ama ancora, non ha battuto ciglio... fosse stato fosse stato 10 anni fa mi piantava una scenata che non ne hai la minima idea. Questo fa sì che mi avvicinerò pian piano a te se tu vorrai... doppio vco questa ho la conferma che sei meglio tu 100 milioni di volte più di lui, e io ora ti prometto che piano piano diventerò sempre più tua"... la Guardai presi la sua mano con la mia " finché avremo occasione tutto questo siamo io e te"... arrivammo a Genova, era pomeriggio tardi la giornata andava all'imbrunire... Entrai nel magazzino dove tengo il camion parcheggiato.. posato il camion siamo andati subito a prendere la mia macchina e ci siamo diretti a casa sua per prendere dei ricambi intimi. Mi ero rassicurato non ci fosse il marito mentre io lo aspettavo in macchina. Ma non ci mise tato il tempo di salire prendersi la sua roba i suoi trucchi e scendere.. torno in macchina mia e la portavo a casa mia direzione alture di Genova dove nessuno avrebbe mai saputo lei dov'era. Arrivati da me mi chiese se poteva farsi una doccia virgola io l'avrei fatta dopo di lei per darci una pulita Dopo la mattinata movimentata che abbiamo avuto. Lei era con me per tutta la sera e tutta la notte questa volta sarebbe stato il mio letto il luogo caldo e intimo per accoglierci e non più il bagno di un treno.. la serata diventò unoscorre via tranquillo.. una donna fantastica che mi ha regalato una giornata bellissima facendomi rilassare mentalmente, molto matura è decisa in quello che vuole.. la serata si concluse fantasticamente dopo che eravamo andati a letto, due ore di amore uno dentro l'altro eravamo diventati una cosa unica.. nel letto mi ero gustato le sue stupende performance.. una donna piena di vitalità che con i suoi 45 anni mi ha fatto sentire quanto è affamata di cazzo, cavalcandomi come uno stallone.. la sua fica davvero squisita, finalmente Ero riuscito a infilare la mia bocca in mezzo alle sue labbra vaginali, partecipando con molto piacere e in maniera disinvolta ad una bellissima 69.. io a lei ancora oggi siamo complici e amanti, non del tutto legati per un rapporto extra-coniugale ma piano piano ci si sta lavorando.. al momento ho la mia amante perfetta una vera donna di 45 anni!!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 5): 7.2 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10