STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
falli da dietrocon quella figa d mia zia..."Sai? Somigli a Lisa Ann!"Ho fatto cornuto mio marito con i miei colleghi!!Due Amiche inseparabili - Un sogno divenuto realtàrotta in culo....la mia prima volta in un privéche scopata con mia cognata
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Mia moglie Stefania
Mi chiamo Paolo, ho 35 anni e sono sposato da 5 con Stefania. Entrambi lavoriamo, lei segretaria d'azienda, io impiegato in un ufficio pubblico, ed abbiamo un figlio di 4 anni.
Ho conosciuto Stefania circa 10 anni fa in discoteca, entrambi abbiamo una bella presenza, lei alta 170cm, bionda coi capelli lisci e lunghi, okki verdi, belle labbra carnose, bel fisico formoso, 5° di seno, insomma una che non passa inosservata, ed anche io faccio la mia bella figura con i miei 185cm, fisico prestante, pelato, okki neri, insomma, siamo proprio una bella coppia.
Sin da quando ho conosciuto mia moglie, visto come la guardano quando siamo in pubblico, ho sempre fantasticato sul vederla tra le mani di un altro uomo, e spesso mi è passato per la mente di chiederglielo, ma poi mi sono sempre tirato indietro, per paura di una sua reazione negativa, poi dopo il matrimonio e la nascita di nostro figlio la cosa ha iniziato un pò a scemare e soprattutto ho sempre pensato che mia moglie era soddisfatta di me e che non mi avrebbe mai tradito.
Su quanto appena detto, mi sono sbagliato e sono stato smentito proprio da mia moglie, agli inizi della scorsa estate, precisamente un sabato pomeriggio di giugno.
In quella settimana, mia moglie mi disse che il sabato sopracitato, sarebbe andata ad un pranzo di lavoro in un ristorante nei pressi di Nettuno, noi abitiamo a Pomezia, la cosa non era la prima volta che capitava e capì che quel sabato sarei rimasto a casa con il mio figliolo.
La mattina di quel sabato, mentre gioco col mio figlioletto, attendo mia moglie che esca dalla camera da letto pronta per uscire, appena esce noto il suo abbigliamento sexy, ma elegante al tempo stesso, le do un bacio e le dico che è deliziosa. Indossava un abito longuette rosso a maniche corte, con un vistoso scollo a V, ai piedi un paio di sandali neri con tacchi a spillo, truccata e con smalto rosso intenso su mani e piedi, e soprattutto il suo profumo arrapante, che si sentiva nell’aria anche dopo che lei era andata via. Prima di uscire le chiesi se aveva bisogno di un passaggio, oppure dell’auto, mi rispose che sarebbe passata a prenderla Franco, il suo capo. Franco, ha 45 anni e svariate volte è venuto a cena da noi con la moglie, un uomo abbastanza acculturato, ma che fisicamente avrebbe tutto da invidiare a me, quindi mi fidavo di lui.
Erano quasi le 12 quando Franco passa a prendere Stefania, che prima di andar via mi bacia sulle labbra dicendomi che mi ama e ripetendomi il nome del ristorante dove sarebbe andata a pranzo, e poi da un bacio a nostro figlio tranquillizzandolo che sarebbe tornata presto.
Circa mezz’ora dopo che Stefy era andata via, mentre stavo preparando da mangiare per mio figlio, squilla il telefono di casa, rispondo e dall’altra parte una voce femminile che fa.:- Pronto, sono Giovanna una collega di Stefania, è in casa? -, io stupito rispondo:- Ma… Veramente mia moglie mi ha detto che oggi doveva andare ad un pranzo di lavoro, è venuto a prenderla Franco, il vostro capo!!! -, lei quasi mortificata:- Ah!! Davvero … è passato Franco a prenderla!?! Beh… si in effetti è vero, sarei dovuta andare anche io, pensavo che Stefania fosse ancora in casa, vuol dire che la chiamerò sul cellulare, arrivederci!!! -, io:- Arrivederci -, ed attacco la cornetta, mentre do da mangiare a mio figlio, penso e ripenso alla telefonata e quasi raggelo, perché intuisco che la tizia si era trovata in un impiccio e che sapeva o faceva finta di sapere. Sta di fatto che appena mio figlio termina di mangiare lo vesto e gli dico che andiamo dalla nonna. Porto mio figlio da mia madre, dicendole di tenermelo x un paio d’ore che avevo un impegno urgente.
Quindi mi dirigo a Nettuno, presso il ristorante che mi ha indicato mia moglie, in effetti lì fuori era parcheggiata l’auto di Franco, mi sento un po’ nervoso ed ansioso e comincio a fumare. La stronza probabilmente mi ha dato l’indirizzo del ristorante, perché pensava che non avrei potuto seguirla.
Sta di fatto che intorno alle 15 Franco e Stefania escono ridendo e scherzando dal ristorante, camminano abbracciati e lui ha una mano sul culo di lei. A questo punto capisco che lei mi tradiva e mi tradisce ancora col suo capo. Attendo che salgono in auto e comincio a seguirli, cominciano a girovagare un po’ per le campagne romane, fino a quando entrano in una stradina sterrata addentrandosi nella campagna, fino ad arrivare in un posto piuttosto isolato e lontano da okki indiscreti, gli unici okki ad osservarli erano i miei. Una volta fermata l’auto scendo e mi avvicino a dove stavano loro, i 2 scendono dall’auto, Franco stende a terra una grossa asciugamano da mare e mia moglie si appoggia all’auto, poi Franco le si avvicina e cominciano a baciarsi e a toccarsi, tanto che Franco si è subito tirato fuori il cazzo, già bello duro e a tratti sento anche quello che dicono, e ad un certo punto, vedo mia moglie prendere il cellulare e dire a Franco:- Fammi prima chiamare Paolo, così lo tranquillizzo che è tutto a posto -, e mentre con la sinistra fa il numero, con l’altra comincia a toccare il cazzo di Franco, faccio appena in tempo a togliere la suoneria al telefonino (lei quando mi deve chiamare col suo cellulare, mi chiama sempre sul mio, x via della tariffa conveniente del nostro operatore mobile), che squilla, rispondo un po’ a bassa voce e dico:- Pronto tesoro!!! -, lei:- Tesoro qui è tutto a posto, il piccolino ti sta dando noie? -, io:- Tutto bene, si è appena addormentato, tu ti stai divertendo? -, lei:- Si mi sto divertendo abbastanza, non so quando torno a casa, credo per le 7, massimo le 8!!-, io:- Va bene.. Fai con comodo -.
Appena lei stacca la telefonata, Franco le dice con voce grossa:- Dai butta via sto cazzo di telefono e comincia a farmi un bel pompino!!! -, adesso è Franco appoggiato all’auto, con le braghe calate fino alle caviglie e petto nudo, mia moglie si inginocchia comincia a lavorare con la bocca il suo cazzo, le mani di Franco sono tra i suoi capelli e spingono la sua testa, da gran troia, Stefania, prende completamente il cazzo in bocca leccandogli anche le palle. Io guardavo tutto, e conteso tra la rabbia ed il piacere, non sapevo se piangere o ridere, mi sentivo frastornato, ma volevo vedere fino in fondo.
Poco dopo, Stefania si alza e toglie il vestito e con grande sorpresa scopro che non indossava le mutandine. Franco si sdraia sull’asciugamano, Stefania si mette su di lui a 69, mentre Franco la lecca avidamente culo e fica, Stefania fa spesso il gesto di portare il cazzo tra le sue tette continuando a spompinarlo. Poi si alzano in piedi tutti e 2, Franco prende un preservativo dall’auto e se lo infila, mentre mia moglie si toglie i sandali e si sdraia a cosce aperte, quindi Franco si pone su di lei e la scopa alla missionaria, sento Stefania godere come una cagna, e lui che la insulta apostrofandola nei modi più coloriti possibili, poi la mia Stefy si mette a gattoni e lui la scopa da dietro sia nel culo che nella fica, poi lui va sotto e lei sopra a smorza candela, e mentre lei va su e giù, lui le palpa i seni, infine lui si alza mentre mia moglie rimane inginocchiata,tolto il preservativo, Stefy riprende a succhiare fino a quando, Franco le inonda la faccia e le tette di sborra.
A quel punto decisi che avevo visto già tanto, tornai a prendere mio figlio e tornai a casa, e quando rientrò, lei molto sorridente e contenta (ovviamente), salutò me e nostro figlio ed io feci finta di niente. Poi qualche giorno dopo, scoprì il numero di telefono di Giovanna, la collega che chiamò quel sabato mattina, mi misi in contatto con lei e mi disse che non sapeva niente della relazione tra Stefania e Franco, e mi confidò pure che non aveva mai visto di buon grado mia moglie, di seguito ebbi la fortuna di conoscere Giovanna, una splendida mora di 27 anni, ed ora lei è la mia amante.
Così mentre mia moglie si scopa il suo capo, io mi scopo la sua collega-antagonista!!!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 79): 6.76 Commenti (7)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
RSS feed Sei eccitato? Se vuoi divertirti da solo o vuoi provare qualcosa di diverso con la tua lei, visita questo Sexy Shop, troverai tanti toys interessanti e molto altro.