STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
La realtà oltre la fantasia.In cantiereio,mio marito e il brasilianomister pla cugina ritrovata.. (by gigio)supermarketlaura83 L'addio al celibatoViaggiodi nozze in GiamaicaCon la vedova II^ parte
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

La stanza vuota
Scritta da: Freja82 (1)

Il pavimento era gelido al contatto col mio corpo nudo, privo di ogni difesa. Avevo le ginocchia indolenzite, i capelli sudati sulle guancie : aroma del mio shampo nel naso, testimone di una situazione del tutto estranea, nuova ed eccitante.
Non potevo vederlo, avevo una fascia d seta nera sugli occhi, ma potevo sentirlo.
Mi girava intorno, mi sfiorava i capelli, il respiro regolare, mi sfiorava con un dito la spalla nuda, poi si allontanava di nuovo.
Ero eccitata e spaventata, ansiosa e curiosa, sapevo che tra non molto avrebbe iniziato a far qualcosa di più che girarmi intorno, ma non sapevo quando e non sapevo come..e questa cosa mi straziava di un dolore pulsante e magnifico nel basso ventre.
Senti il suo fiato sul collo, poi la sua lingua dietro l'orecchio sinistro fino alla base del collo, il petto mi si sollevava concitatamente nel ritmo di una respirazione in crescendo, mi afferrò il seno destro, con delicatezza e autorità, pizzicò il capezzolo duro come una gemma, emisi un gemito. La sua mano lascio il seno per dedicarsi alla curva del mio corpo, giù lungo i fianchi, sulla gamba a cercare quello che speravo trovasse in fretta. Stavo morendo di piacere, volevo che in questa commedia erotica l'atto finale arrivasse alla svelta.
Le sue mani si muovevano delicate, non tralasciavano niente, severe e autoritarie eppure dolci e sensuali..mi appoggiò un dito poco sotto l'ombellico e iniziò a farlo scivolare giù, lo senti farsi strada, trovare il clitoride, accarezzarlo, e scendere..penetrare dentro di me, che ero un fiume in piena e all'improvviso, nell'attimo in cui il suo dito entrava, appoggiò il palmo aperto dell'altra mano sulla base della mia schiena e risalì veloce facendo una leggera presione fino alla nuca sprofondandomi le dita nei capelli e provocandomi un brivido di piacere, superiore alla penetrazione stessa che avveniva nello stesso momento.
Mi lascia sfuggire un gridolino di sorpresa e piacere, lui sorrise piano.
Mi prese per i fianchi e mi sollevò quel tanto per far si che il mio culo si poggiasse sul suo grembo, avvertii immediatamente il turgore del suo pene, lo sentivo pulsare tra le mie natiche, desiderai che lo infilasse nella sacralità di quella piccola fessura ancora inesplorata, ma lui lo fece scivolare avanti, senza penetrarmi, prese a masturbarsi servendosi del mio sesso e del mio culo, mi muoveva avanti e dietro, strusciandosi contro di me, stavo impazzendo, mi lascia andare con la testa all'indietro e una sua mano lasciò i miei fianchi per prendermi il collo, e scese giù verso il seno, afferrò prima uno poi l'altro, mi strizzò i capezzoli forte da farmi male, un dolore stupendo.
E senza cerimonie entrò col suo pene enorme, duro e pulsante, dentro di me, mi piegai in avanti appoggiando le mani sul pavimento, il suo movimento era vigoroso, mi stava penetrando con l'intenzione di giungere al cuore, inziai a gemere e dopo un pò dovetti urlare, stavo già avendo il primo orgasmo.
Lui non si fermava, continuava a pomparmi, lo sentivo completamente dentro di me e avrei voluto non lasciarlo andare piu, sarei voluta morire cosi col suo cazzo che mi apriva e mi riempiva di vita..

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 23): 6.83 Commenti (4)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10