STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
LE APPARENZE INGANNANOL'amica del TennisLa mia vicina è una gran porcvacanze estiveLe chiavi di casafilm di pessima qualitàbambina molto cattival'amico deiii miei genitori
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

La mia impiegata
Sono sposato e ho due figli piccoli, voglio bene a mia moglie ma per il sesso è un'altra cosa...diciamo che mi sono sempre guardato in giro, mi reputo un bell'uomo, fisico atletico, sportivo, non ho mai avuto problemi con le donne.
Qualche mese fa mi sono ritrovato a dover assumere una nuova impiegata per il mio studio e potendo scegliere mi sono preso una bella gnocca, anche se meno preparata di altre....ma averla in ufficio è un piacere :bionda, slanciata, labbra carnose bocca da pompinara esperta e un culo da sfondare, in più era anche libera. Ho sempre pensato fosse una bella porca, quando si piegava in avanti a mostrarmi le tette dalla scollatura ...ma vista la mia posizione mi ero sempre trattenuto, sparandomi delle seghe in bagno quando proprio non ce la facevo più...
Negli ultimi tempi però dovevamo lavorare spesso insieme, finalmente avevo la scusa di avercela vicino, soli nel mio ufficio
Quel giorno aveva una gonna al ginocchio e una maglia scollatissima, eravamo attaccati a lavorare davanti al pc ed io non riuscivo a toglierle gli occhi di dosso, avevo il cazzo che stava per scoppiare, il suo profumo mi stordiva, volevo solo scoparmela...lei se ne era accorta, con una scusa le sfiorai le tette, non si mosse...anzi quella troia si sporse un po' di più fino ad "appoggiarmele" sul braccio, così le toccai le coscie e in un attimo la sua mano era già sul mio cazzo, e la lingua in bocca che mi baciava; la presi e misi sopra la scrivania, alzandole la gonna, le spostai le mutandine e cominciai a leccare la sua figa bagnata, completamente depilata, uno spettacolo! Era un lago, le infilai tre dita dentro lavorandomi quella figa stretta.. poi fu il mio turno si abbassò e mi succhiò il cazzo divinamente, prima leccandomi la cappella poi scendendo sempre più giù fino a farselo arrivare alle tonsille, stavo quasi per venirle in bocca mentre mi godevo nella mia poltrona quel pompino meraviglioso quando mi venne sopra e se lo prese tutto dentro cavalcandomi prima velocemnte poi lentamente facendolo uscire quasi tutto per poi riprenderselo...godeva come una matta a prenderlo e io volevo anche il suo culo
la feci girare, appoggiandola alla scrivania e mettendole un dito nella figa e poi nell'ano per lubrificarlo...fece un po' di resistenza, e cominciò a gemere per il dolore di prenderlo dentro... avevo paura ci potessero sentire gli altri dipendenti...ma non volevo smettere, iniziai a spingere più forte finchè non venne per poi sborrarle su quel magnifico culo.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 35): 5.57 Commenti (4)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10