STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Il pompino più bello di Laracliente supertroiacon mio suoceronatale a vinnala figa per mio fidanzato, e il culo per temia moglie e l'elettricistamoglie che lavora a casax gioco
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

La mamma con il vicino
Cari lettori tutto pensavo nella vita potesse succedere ma non mi sarei mai immaginato mai che mia madre Palmira potesse fare del sesso con un’altra persona ecco perchè dico che le donne sono tutte puttane compresa mia madre,anche se devo dire che quello che vi sto per raccontare e successo solo una volta(almeno spero!).
Mia madre e stata sempre una donna di sani principi,molto pudica tanto che non si è mai fatta vedere in casa mezza nuda,mai in atteggiamenti un pò osè con mio padre quando non erano da soli, e forse proprio per questo che il racconto che vi sto per raccontare mi ha sconvolto.Nell’estate 2004(io avevo 18 anni e mia madre 47,donna non molto alta,castano scura e con un fisico niente male,con le curve al posto giusto con un filo di cellulite 4 di tette ed una figa riccia scura che durante l’inverno la tiene molto pelosa) siamo partiti in vacanza con tutta la famiglia,io mio padre e mia madre,e per farmi compagnia avevo portato un mio caro amico F nella casa di famiglia, la quale oltre ad essere molto grande ha uno splendido giardino. I giorni scorrevano tranquilli e felici fino a quando un giorno io e mio padre siamo andati a fare spesa in un grosso centro commerciale, mia madre invece era rimasta a casa per preparare la cena e F era rimasto a casa a farsi un riposino. Tornati a casa notai subito che il comportamento di F non era


del tutto normale, e così decisi di chiederli cosa c’era che non andava,ma lui mi disse che la sera mi avrebbe spiegato. Arrivata la sera fu lui ad introdurre il discorso su mia madre e su i suoi atteggiamenti facendo molto il vago. Non riuscivo a capire fino a dove volesse arrivare e alla fine glielo dissi. Un po’ vergognoso e balbettante mi disse che nel pomeriggio aveva visto una cosa che lo aveva scioccato,ma un po’ imbarazzato non voleva parlare ma io un po’ dubbioso gli dissi che se la cosa riguardava mia madre doveva parlarmene. Così senza esitazione mi disse che mentre dormiva si sveglio perchè aveva sentito la voce del vicino di casa nel nostro soggiorno e si mise ad origliare. Mi disse che all’inizio il vicino di casa P era venuto per sapere se c’era mio padre perche doveva fargli vedere il nuovo forno che aveva comprato e mia madre gli disse però che era uscito e che voleva poteva aspettarlo. Lui subito accettò e mia madre gli disse che avrebbe fatto intanto un caffè.F vide mia madre che si diresse verso la cucina e subito il vicino la segui,ma appena mia madre accese i fornelli P le mise la mani in mezzo alle cosce e violo quel solco carnoso che era coperta solo dalla mutanda del costume.Lei subito fece un balzo e
gli disse”ma che cazzo fai porco pervertito lasciami”.Lui sempre piu insistentemente con la mano gli toccava il solco delle natiche gli disse”dai ti prego fammi scopare,da quando ti sei fatta vedere nuda in bagno mentre ti stavi depilando la sorca ,e mi hai fatto vedere le due labbra, non riesco a pensare ad altro che al tuo corpo e alla tua figa così nera riccioluta e ben curata,pensa che scopo mia moglie pensando a te,dai vacca fammi infilare il mio bastone”.Il mio amico mi disse che lei fece molta resistenza e cerco di staccarselo da dosso ma un po’ per la forza di lui un pò perchè la stava ormai quasi masturbando,mia madre non ce la fece più ed inizio ad ansimare e con voce sempre più roca inizio a godere. Ma dopo circa 5 minuti di masturbazione il mio amico mi raccontò che lui fece rumore facendo cadere la scopa e mia madre subito ritorno in se stessa e diede una spinta a P dicendogli”no basta c’è l’amico di mio figlio in casa basta vattene brutto porco”.P capendo che non poteva andare oltre gli disse”Va bene ma domani voglio continuare e finire il servizietto” mia madre subito gli disse”basta non voglio più sapere di questa storia chiudiamola qua” e lui”dai lo so che ti va di scopare con me te l’ho letto in faccia, e voglio che domani ci vediamo alle 20 nella Piccola Baia in spiaggia in modo che non c’è nessuno e possiamo stare noi due insieme”. Gli diede un bacio sulla bocca e se ne andò.Il mio amico F vide il volto di mia madre sconcertato e dopo crca 5 minuti F usci dalla sua stanza e vide mia madre un pò nervosa ma lui non le disse nulla. Alla fine del racconto io rimasi impietrito e non riuscivo a dire una parola e F mi disse”dai non preoccuparti non e’ successo nulla in fondo per adesso!”io gli disse”come adesso”e lui “eh si!adesso bisogna vedere se tua madre va all’appuntamento”io risposi”guarda per questo no c’e problema ne sono troppo sicuro,lei non andrà mai all’appuntamento”. F stette un po’ zitto ma poi mi disse”va bene ma forse
sarebbe meglio controllare” e io di tutta risposta gli dissi”Va bene vado io a controllarla se domani verso le 20 se ne va”lui subito”mi dispiace ma vengo anche io,ci sono troppo dentro”io diedi il mio assenso, e lui mi disse”ma che facciamo se domani tua madre ci va e la vediamo con quel tizio”,io risposi “domani ci penseremo”e ci mettemmo a dormire.
Il giorno dopo a cira 10 minuti alle 20 mia madre inizio a vestirsi mettendosi un costume e sopra u pareo e disse a mio padre che doveva andare da una sua amica a fargli vedere come si spinava il pesce. Sentendo queste parole F mi guardo.Ma io e F non sapevamo se fosse vero quello che aveva detto e decidemmo di seguirla.Mentre le stavamo dietro,a debita distanza,vedemmo che invece di girare inboccò la strada del mare e subito F mi disse”Hia visto che abbiamo fatto bene a seguirla”.Io non volevo crederci e per tutta risposta gli dissi”Vedrai che incontrerà il vicino e gli dirà di finirla con questa storia”.Arrivammo prima di lei alla Piccola Baia e vedemmo da lontano il vicino che stava attendendo .Decidemmo di nasconderci dietro un cespuglio Dopo qualche minuto arrivo mia madre. Potevamo sentire bene cosa si dicevano e lei disse”Sono venuta solo per dirti che quello che e’ successo ieri è stato un mio piccolo momento d’incertezza ma adesso questa storia deve finire”. Lui inizio a maneggiarsi il cazzoe le disse”se volevi che finisse forse era meglio che non saresti venuta,e invece sei venuta perchè ieri ti ho fatti eccitare e oggi vuoi scopare come tutte”.Non fini le frase che lui le salto addosso e inizio a toccarla sulle tette.Lei subito cercò di liberarsi ma P inizio a tirarle su il pareo e a toccarle subito la fica per cercarla di farla cedere come aveva fatto il giorno prima.Io nel vedere quella scena cercai di uscire dal cespuglio per andarla liberare, ma il mio amico mi blocco dicendomi”Non andare si sta eccitando anche lei ……come ieri”mi girai a guardarla e vedevo lei che iniziava ad ansimare e dire”Basta ti prego lasciami ah ah,no ti prego”.e lui”dai lo so che ti piace lo so che sei un gran vacca adesso ti faccio godere come non hai mai fatto in vita tua”. La buttò a terra
gli divaricò con molta difficoltà le gambe, le strappò le mutande e gli disse”che gran fica nere e pelosa che hai”. Iniziò con avidità a leccare e lei ormai troppo presa dall’eccitazione acconsentì con il suo corpo.Lei le prese la testa ,la spinse sempre di più nella sua fossa e le disse”Quanto è bello non me lo aveva fatto mai nessuno,continua così,voglio godere a più non posso. Lui continuò a leccarla e ad penetrarla con le dita sempre di più fino a che lei con uno strillo soffocato venne per la prima volta. Lui si alzò la bacio e gli disse”adesso voglio che la mia troia mi faccia godere”le prese la testa e la poggiò sul suo cazzo.Lei rimase un po sconvolta nel vedere quel cazzo così grosso,dicendogli anche che non l’aveva mai fatto, ma lui gli fece aprire la bocca e glo disse”non ci credo che una troia come te non ha mai succhiato un cazzo”e glielo fecce succhiare. Io non ci stavo capendo un cazzo e il mio amico preso a masturbarsi mi disse”per fortuna che tua madre non era troia guarda come si comporta sembra una puttana. Il vicino poi prima di venire gli disse”mi dispiace ma prima di venire voglio la tua fica,sono venuta qua solo per questo. La prese e la mise a 90° gradi e con un sol colpo la penetrò. Durante lo stantuffamento lui preso dall’eccitazione inizio ad offenderla dicendogli”puttana ti piace il mio cazzo eh!?e pensare che non volevi scopare2”. Lei ancora più arrapata le disse “si dai scopami,hai un cazzo bellissimo,come godo dai ti prego riempimi”.Non avevo mai sentito quelle parole sulla bocca di mia madre e così iniziai ad arraparmi sempre di più e non potetti non masturbarmi.Il vicino inizio a godere sempre di più fino che non iniziarono a strillare sempre di più e vennero tutti e due. Lui rimase accasciato a terra ,mia madre si alzo e vedendogli la fica colante di liquidi venni anche io ed il mio amico mi seguì. Lei si avvicino al bagno asciuga e si inginocchiò per lavarsela. Si rivestirono,si diedero un ultimo bacio e si lasciarono.Io ed il mio amico eravamo sconvolti,ma F mi disse subito”Certo che tua madre non è proprio la santarellina che tu dici,ha una voglia di cazzo che neanche te lo immagini, forse direi proprio di provarci”Ci guardammo e ci misimo a ridere.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 2860): 7.11 Commenti (118)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10