STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
IL MIO DIARIOStefaniaLa prima volta in palestrauna chiusura di negozio fortunatafingo di godere per amore di mio maritoil trans e sua sorella in mezzo ioDiario di una schiavail buon sesso che non ti aspetti...
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

L'età non importa
Questa storia è successa l’Agosto scorso. Ho 18 anni e a quel tempo ero appena uscita da una storia importante, la storia della mia vita. Ero depressa e non volevo amare, volevo scopare. Così, chiacchierando un mio amico mi disse che c’era un locale molto hard in città e decisi di andarci. Premetto, tutti mi considerano carina, snella, capelli mori, occhi verdi. Quella sera c’era il pienone, ballerine seminude che servivano ai tavoli. Mi ero vestita proprio come una puttana e godevo di ciò ,perché potevo permettermelo. Mi sedetti al bancone e ordinai un Bacardi. Ero sola. Poi a un certo punto si avvicinò a me un uomo di mezza età, circa cinquantacinque anni e mi offrì da bere. Poi incominciò a guardarmi strano, ma io non ero spaventata, era quello che volevo. La cosa diventò più intima. Mi mise una mano tra le gambe e con l’altra mi palpava le zizze. Mi chiese se volevo salire in camera e io risposi di si. Non mi importava l’età, volevo solo scopare. Volevo essere posseduta e quest’uomo era abbastanza grosso. Siccome quel posto affittava anche stanze private ne prendemmo una. Già sulle scale aveva cominciato a svestirmi e a palparmi. Arrivati in camera mi buttò sul letto e mi strappò i vestiti . si buttò sopra di me e mi ficcò il suo grosso cazzo nella figa. Io urlavo di piacere. Sempre più violentemente. Poi io gli dissi che lo volevo nel culo e lui mi accontentò. Me lo ficcò con tanta brutalità che urlai. Faceva malissimo all’inizio, ma poi sentivo un piacere immenso. Mi strinse le zizze. “Ti piace puttanella?” mi chiese sempre più con foga. “Oh si!” risposi urlando. Poi me lo levò dal culo e sentii la sborra calda che usciva. Mi disse di sdraiarmi e me lo ficcò in bocca. Gli feci un bocchino da favola. Poi si alzò dal letto e mi disse di riposarmi un po’ perché avrebbe chiamato un po’ di suoi amici. Io non volevo, ma fui costretta. Arrivarono altre due persone, tutti e due sulla sessantina. “Carne giovane” dissero. Mi dissero di mettermi a pancia in giù che avremmo fatto una cosa a tre. Lo feci. Il primo tizio si posiziono sotto di me e me lo mise nella figa e io aprivo sempre di più. Il secondo sopra e me lo ficcò nel culo e il terzo lo sbocchinavo. Poi mi dissero che volevano il gran finale e uno tirò fuori un costume da sadomaso e delle manette. Mi vestii da pantera sexy e mi legarono al letto. Tutti e te a turno me lo ficcarono dentro. E poi in bocca e io bevevo tanta di quella sborra… mi rivestii e scendemmo di sotto. Ci congedammo. Per finire la serata incontrai un negro e ci appartammo in bagno. Lo facemmo in tutti e tre i modi. Il suo enorme cazzo me lo ficcò in bocca, nella figa e nel culo. Fu una delle serate più belle della mia vita, anche se quella sera ero stata una gran troia.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 42): 5.29 Commenti (6)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10