STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
doppio in autostrada 2Mia ziaI segreti di mia moglie 4La confessione della mia ragazzaBella stronza, una puttana insaziabilemontesilvanoSono stato sceltola pistola nel reggicalze
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

L'amica del Tennis
Ogni giovedì faccio allenamenti di tennis, ho 19 anni, ma non pensavo mi potesse capitare lì un esperienza del genere... Come tutte le settimane mi diressi al centro sportivo dovrei avrei iniziato le 2 ore di lezione. Tra i miei compagni c'è una ragazza, di nome Chiara, che mi piace molto, alta poco meno di 1,70 bionda carnagione abbastanza scura. tutte le volte mente cammino per raggiungere la palestra penso a lei ma nei fatti non sono mai riuscito a concludere molto (anche perchè sono solo 2 ore a settimana)... solo qualche uscita dopo l'allenamento ma niente di più. C'è un altra ragazza alta più o meno come lei un po meno carina, anche se accettabile, con lineamneti comunque ordinati e ben curati, sempre bionda di carnagione un po più chiara ma con due tette da paura (una 3/4) ben tonde e sode e un culo che me lo mette in tiro solo a guardarlo. durante ogni lezione non riesco a staccargli gli occhi di dosso e guardare le sue tettone che ballado mentre corre con la racchetta in mano... e molto probabilmente lei se ne accorge tutte le volte, ma fa finta di niente.
L'allenamento era finito e io mi diressi allo spogliatoio dietro a questa tipa, Elisabetta, mentre non riuscivo a scollargli gli occhi dal sedere... Lei andò in quello femminile io girai in quello per gli uomini... mi stavo giusto spogliando quando successe l'incredibile, sentii uno strano rumore da fuori e (con solo i pantaloni e la canottiera) uscii dalla porta. C'era fuori Elisabetta con una magliettina molto stretta con una scollatura da cui si vedeva perfettamente la linea dei seni.Mi vide immediatamente e ci fu un po di imbarazzo generale, ma, dopo poco tempo, la vidi che si avvicinò a me, mi sussurrò qualcosa nell'orecchio che all'inizio non capii bene o meglio... non volli capire tanto mi pareva assurdo. Uscì una seconda ragazza dallo spogliatoio già vestita e, salutando, si diresse verso la strada.
A questo punto Betti mi prese per la mano e mi portò dentro lo spogliatoio femminile bloccando la porta, mi fece sedere e mi disse: "è troppo tempo che desidero il tuo cazzo... ok?" Non ebbi nemmeno il tempo di rispondere che avevo già il cazzo scoperto, e lei inizò a prenderselo in bocca e a succhiarlo. Dopo un minuto di spompinamento mi ripresi un attimo e non persi l'occasione e pensai che mi sarei davvero divertito quella sera. Le raccolsi i capelli mentre lei continuava a ficcarselo tutto in bocca fino alla gola finchè no gli sborrai tutto dentro. Non voleva, ovviamente, fermarsi con un semplice pompino, e sdraiatomi mi si mise sopra e si sedette sul mio cazzo che era ancora durissimo, si appoggiò alle mie spalle e iniziò ada andare su e giù mentre le sue tettone ballavano e mi schiaffeggiavano la faccia. Io chiudevo gli occhi per godermi quel momento fantastico mentre dalla sua bocca uscivano gemiti come "si, ah, fammi godere.." Andò avanti così per pochi minuti finchè non venne lei prima e io dopo. Si levò dal mio cazzo, mi sedetti e lei mi mise la faccia sul cazzo. Se lo ciucciù un po e infine lo avvolse con le sue tette morbide, grandi e sode... Ero al settimo cielo mentre da sole uscivano parole come "si troia sii... più veloce con queste tettone, sii". Fu una sensazione unica, una spagnola irripetibile e venni in due getti di sborra sulle sue tette turgide. A questo punto presi io l'iniziativa la girai e la misi a pecorina... vedevo che aveva paura ma le assicurai che sarebbe andato tutto bene, presi il mio cazzo e glie lo misi nel culo. Lei iniziò ad urlare più forte, sentiva male, ma io continuavo sempre più forte, stavo godendo troppo per potermi fermare. Continuai per qualche minuto ed ora anche lei godeva come una troiona in calore. Venni per l'ultima volta e gli sborrai tutto nel culo.
Facemmo la doccia insieme mentre ci massaggiavamo a vicenda e colsi l'occasione per un ultimo pompino...
Tornai a casa felice di questa esperienza e da allora continuo ad andare più volentieri agli allenamenti di tennis.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 109): 5.94 Commenti (5)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10