STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
natale a vinnala camerieraLa migliore amica di mia moglie nonché la moglie del mio migliore amicoDanielal'amico del mio ragazzosecondo incontro con AleAnniversario di matrimonioil vibro.
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Il barista...
Scritta da: chiccadolce (1)

Siamo a Roma negli anni 80,quartiere borghese,vita tranquilla in famiglia. Sono giovane,carina,un pò un tipo francese,dimostro meno anni di quanti ne ho. Capelli a cschetto,magrolina,ma con delle grandi tette...diligente e studiosa.Sotto casa mia c'è un baretto,dove sono sempre andata,un giorno scendo come al solito per prendere le sigarette. Sono circa le 15 di un sabato di luglio,c'è solo il proprietario,un uomo grosso,di circa 60 anni, gentile e affabile. Mi accoglie con un gran sorriso,lui è seduto dietro la cassa e mi invita a mettermi un pò accanto a lui per scambiare due chicchiere,accetto,non avevo di meglio da fare...si parla,si ride,si scherza,mi fa un dei complimenti carini e a me fa piacere. Portavo una minigonna bianca e azzurra e una magliettina bianca scollata,all'epoca potevo permettermi di non indossare il reggiseno,che bella sensazione di libertà!!! Sento la sua mano possente scivolare in mezzo alle mie cosce...e lo lascio fare,non so com'è possibile,ma ho sentito subito un brivido di piacere. Nonostante,non fosse certo bell'uomo,mi aveva eccitata. Continua ad aacrezzarmi le cosce,poi mi prende e mi mette seduta sulle sue ginocchia. Pensavo di sentire già il suo cazzo duro ed ora pronta a prenderlo tutto...ed invece non sento proprio nulla. Scopro che è diabetico ed impotente. Mi infila,però,la mano nelle mutandine e mi comincia ad accarezzare in un modo veramente fantastico e mai provato prima...vengo in 3 minuti,provo un piacere pazzesco,mi bagno come non mai...per fortuna il bar continua ad essere desolato! E comunque il banco della cassa è alto e non si vede nulla. Sento che tira fuori il suo gran cazzo moscio,lo mette nelle mie mutande,lo strofina sulla mia fichetta bagnata e non so come mi inonda di sborra calda...non sapevo che un impotente potesse venire ed invece è proprio così! Ed io ormai più eccitata che mai vengo ancora. Me ne vado frastornata,ma felice e soddisfatta,mai nessun ragazzo mi aveva toccata in quel modo.
Da quel giorno,appena lo vedevo solo,entravo a sedermi sulle sue ginocchia e a godere... Questa specie di rapporto è andato avanti per almeno 6 mesi,senza che nessuno lo sapesse mai. E' finita quando ha cominciato ad invitare dei suoi amici di una certa età,ma sessualmente più che attivi... e a chiedermi di avere rapporti con loro davanti a lui. All'inizio ho accettato,ho fatto qualche pompino e un paio di scopate,ma non mi piaceva affatto e ho chiuso. Dedicandomi solo a quel punto al mio nuovo e bel ragazzo,ma questa è un'altra storia!
Ancora adesso quando ripenso a come mi toccava e mi faceva godere,mi eccito e non posso fare a meno di masturbarmi...proprio come vado a fare ora!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 21): 5 Commenti (1)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10