STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Miss Cristina seconda parteuna fantasia realein 2 con un superdotato capitolo 2IL GIORNO DEL MATRIMONIO DI MIRELLA 3 (VERONICA E LE FOTO)La guarigioneDiario di una schiavaNel bosco che sorpresa......monica quella troia
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

Doppia penetrazione
Scritta da: vogliosa77 (1)

La settimana scorsa, con il caldo che sfiancava tutta la penisola, mi sono trovata ad andare a casa del dottore di famiglia per prendere una ricetta.
Indossavo una canottiera minimal e una gonnina di lino, un look molto semplice perché pensavo di dover ritirare solo una ricetta…e tornare immediatamente a casa…
Contrariamente a quanto pensassi, quel pomeriggio stetti fuori 3 ore!
Mi sono recata a casa del dottore di famiglia…proprio perché amici, per evitarmi la fila all’ambulatorio. Una volta a casa, stranamente il dottore era assente e mi fece accomodare il figlio Marco che mi invitò a sedermi in sala. Io non capivo il perché delle sue immediate attenzioni quando….improvvisamente lo vidi fissarmi il seno. Non indossavo il reggiseno proprio perché pensavo di sbrigarmi presto…ma evidentemente avevo attratto la sua attenzione.
Il suo sguardo e la sua evidente erezione provocarono in me eccitazione e i miei capezzoli si gonfiarono. Marco non perse l’attimo e me lo fece notare: “non porti il reggiseno?”
Io non volevo rispondere ma poi, mi soffermai sulla sua erezione e gli dissi: “no, non lo porto. Ma vedo che anche tu sei eccitato”
Marco, un ragazzo ventottenne molto attraente, prese la mia risposta per un invito aperto e mi mise una mano sul seno. Io gli strillai contro: “ma sei impazzito? Sono una donna di quarant’anni, potrei essere tua madre!”
Ma lui fissandomi non tolse la mano, anzi, continuò a toccare con più foga dicendo: “se non ti piaceva te ne saresti subito andata invece di fare una battuta sul mio cazzo, visto che l’hai notato secondo me lo vuoi anche provare”.
Li per li reagii molto nervosamente e lo scansai da me spingendolo via, ma invece di andarmene restai li in piedi di fronte a lui. Marco allora tornò alla carica e mi baciò spingendo contro il mio pube la sua erezione. Moralmente mi sentivo in difficoltà ma la realtà era che quel ragazzino mi aveva fatto eccitare. Mi spogliò e mi iniziò a scopare sulla scrivania del padre, nello studio. Aveva un cazzo enorme e sapeva scopare bene. Per la prima volta nella mia vita mi sono lasciata andare a una situazione che ho sempre pensato troppo sporca. Ma stavo godendo da morire, tanto da non trattenere i miei gemiti…
Improvvisamente sentimmo suonare alla porta. Marco non voleva andare ad aprire perché sapeva che a suonare era un suo amico e non voleva essere disturbato. L’amico continuava a suonare…così Marco si staccò da me dicendo: “non ti rivestire ti voglio scopare ancora, aspettami qui”.
Tutta bagnata e vogliosa di godere sotto al suo cazzo restai li ad aspettarlo, mentre sentivo delle voci indistinte provenire dal corridoio: era Marco che stava raccontando all’amico che si stava scopando una quarantenne. L’amico, ebbe subito un’erezione e nonostante i tentativi di Marco di cacciarlo me li ritrovai tutti e due nello studio. All’inizio cercai una via d’uscita per scappare da quella situazione poi invece guardando il cazzo di Marco ancora duro dissi tra me e me….che magari avrei potuto provare. E fu così. L’amico di Marco si spogliò e mi volle scopare subito anche lui mentre Marco ci guardava godere e si masturbava. Io mi sentivo una troia e godevo come una troia e ne volevo sempre di più così improvvisamente fui io a proporre ai ragazzi di scoparmi tutti e due insieme. Accettarono subito. Marco me lo mise in culo e iniziò a scoparmi con forza e pareva che non volesse lasciare spazio all’amico ma io lo fermai perché ero così infoiata che volevo essere scopata da due cazzi. Così l’amico di Marco mi ficcò il cazzo dentro e io iniziai a godere sempre di più: “si, si, scopatemi, scopami il culo si si così scopami la figa e fammi godere come una troia”.
Fui scopata da due ragazzi contemporaneamente e godetti come una troia per 2 ore.
Ogni tanto torno dal dottore e mi ricordo di quel pomeriggio con due cazzi tutti per me….e mi bagno ancora! Da allora ho scoperto la mia voglia di scopare e non mi nascondo più dietro falsi perbenismi. Mi piace il cazzo e mi piace scopare e godere come una troia!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 98): 7.02 Commenti (7)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10