STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
la mia nuova amica parte2Cuckold e......contentofalli da dietroGli imprevisti della solita routineVacanza a sorpresaSERENA, LE MANIPiccolaIncontro Inaspettato [4]...
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

DAL MEDICO PER PRENDERLO NEL CULO (incesto madre figlio)
Personaggi
LOREDANA (Mamma) 61 anni
MICHELE (Figlio) 38 anni
Dott. Giancarlo Vendemini (Medico) 55 anni

Atto primo

Scena prima
(In auto. Michele sta guidando e sua mamma è a fianco)

MICHELE: Siamo praticamente arrivati, mamma; lo studio di quel medico è qui dietro. Ora parcheggio.
LOREDANA: Bene.
MICHELE: Che c'è....non ti vedo convinta.
LOREDANA: No....è che ho poca speranza che qualche medico ci possa aiutare e ….poi …...speriamo che sia discreto.
MICHELE: Ma certo, mamma. Per deontologia non può diffondere le informazioni riservate dei clienti, lo sai anche tu!
LOREDANA: Sì.....teoricamente è così, ma poi........e poi....mi vergogno a dire la verità anche solo a lui.........sai......
MICHELE: No, mamma, allora non se ne fa nulla. Bisogna dire le cose come stanno.
LOREDANA: Ok tesoro, scusa. Facciamo come vuoi.

Scena seconda

Dopo aver parcheggiato, Michele e Loredana scendono dall'auto e si avviano verso il palazzo dove era situato lo studio del dott. Giancarlo Vendemini., ginecologo specialista. Quando si avvicinarono al cancello del palazzo, Michele diede un abbraccio a sua madre per tranquillizzarla ed un bacio dolcissimo in bocca. Poi entrarono nel cortile, chiamarono l'ascensore e salirono al terzo piano. Suonarono alla porta ed un'impiegata venne ad aprire. Loredana e Michele si presentarono alla segretaria, che confermò l'appuntamento e li fece accomodare per attendere la visita. Poco dopo furono ricevuti dal medico. Il dott. Giancarlo Vendemini era un uomo corpulento sui 55/60 anni, alto circa 1,95, piuttosto grasso che muscoloso, stempiato e con i capelli bianchi; aveva un viso pieno e rotondo. Vedendo entrare Michele, piuttosto giovane rispetto alla donna (che non sapeva ancora essere sua madre), il medico rimase un po' meravigliato. La meraviglia aumentò quando i due si presentarono come mamma e figlio. Solitamente da lui si recavano donne da sole, oppure donne con i propri mariti o compagni, visto che il dott. Giancarlo Vendemini era anche specialista in problematiche di carattere sessuale. In ogni caso Michele iniziò subito il discorso che sua mamma aveva vergogna ad intraprendere con il medico.

MICHELE: Dottore, vorremmo subito essere franchi, appellandoci al suo dovere di riservatezza....
MEDICO: Sicuro, signori, parlate pure liberamente.

Il Dottore non immaginava neppure da lontano che cosa avrebbe udito di lì a poco.

MICHELE: Dunque....ehm....chiariamo immediatamente che noi siamo qui come coppia.....

Il medico iniziò a non credere a ciò che aveva appena sentito.

MICHELE: Sì, dottore, ha capito bene, siamo mamma e figlio, ma siamo anche compagni. Si tratta di incesto, sì.
MEDICO: Ma....io....veramente....
MICHELE: Mi lasci un attimo finire di esporle la nostra storia in breve. Io ho 38 anni e dieci anni fa ho divorziato da mia moglie, dopo due anni di matrimonio. Mia madre Loredana ha 61 anni ed è rimasta vedova otto anni fa. Dopo la morte di mio padre, io sono tornato a vivere con mia madre e subito dopo siamo diventati amanti, anzi, compagni.........come marito e moglie.
MEDICO: Eh.........è una storia incredibile.............mai capitato prima di sentire una cosa del genere!
LOREDANA: E' così....ha parlato mio figlio per entrambi perché io non ne avevo il coraggio, ma è tutto vero. Siamo una coppia che non vive alla luce del sole, ma siamo felici e ci amiamo.
MEDICO: Sì...capisco..........

Si notava benissimo lo stupore ed il disagio misto a incredulità sul volto del professionista. A tratti il dott. Vendemini riteneva di essere vittima di uno scherzo o di una candid camera.

MICHELE: Dottore, mi creda non stiamo scherzando e capiamo che è difficile da credere. Sappiamo che poca gente approva la nostra situazione e le chiediamo se può comunque aiutarci a risolvere un problema che ci affligge, come se fossimo una normale coppia che viene a consultarla ogni giorno.
MEDICO: Beh...certo.......è la mia professione e potete stare tranquilli. Nulla uscirà da queste mura.
LOREDANA: Grazie, dottore, questo ci rasserena molto.
MEDICO: Bene, dunque esponetemi il vostro problema.
MICHELE: Subito. Noi come coppia abbiamo rapporti sessuali molto frequenti ed intensi. Tuttavia io, come compagno, vorrei avere con la mia donna anche rapporti anali, oltre che orali e vaginali. Ma purtroppo, mia madre non ha mai voluto sperimentare quel tipo di penetrazione con nessun uomo prima di me. D'altronde anche io non ho mai praticato sesso anale, in quanto anche la mia ex moglie non ne voleva sapere.
LOREDANA: Proprio così..........io vorrei con tutto il cuore accontentare mio figlio e iniziare a praticare il sesso anale, ma ho un terrore irrazionale e, al solo pensiero di venire sodomizzata, mi irrigidisco, grido e mio figlio, che mi ama, desiste. Questa cosa fa soffrire entrambi. Vorremmo da lei qualche nozione scientifica su questo tipo di rapporto, sui rischi che ne potrebbero derivare e su eventuali modi di superare questo mio blocco.
MEDICO: Signora mia, questa è una delle problematiche che molte coppie mi sottopongono; quindi per me la tematica non è nuova; semmai è nuovo il contesto della coppia, mamma e figlio, intendo, ma ciò non incide su quello che devo dirvi e su quello che posso consigliarvi per aiutarvi a risolvere il problema.
MICHELE: Ci dica, dottore.......
MEDICO: Innanzitutto vorrei sfatare il luogo comune per cui il sesso anale è sconsigliabile per motivi igienici: infatti la penetrazione nell'ano, se praticata nel modo corretto, è come quella vaginale e comporta gli stessi rischi. Inoltre, se praticato all'interno della coppia, i rischi di contagi e di trasmissioni di malattie sono identici a quelli che si avrebbero con rapporti vaginali ed orali. L'uso della protezione diminuisce le probabilità di contrarre infezioni od altre patologie che, ripeto, potrebbero essere trasmesse anche in rapporti vaginali ed orali. Poi non è vero che la penetrazione anale rechi piacere solo all'uomo: se praticato nel modo corretto, il sesso anale soddisfa anche il desiderio della donna. Come vedete io sono un sostenitore della pratica anale, come medico la consiglio anche come metodo contraccettivo, aspetto che, però, a voi non interessa più da vicino.......

Il medico mentre pronunciava queste ultime parole, rivolse lo sguardo verso Loredana, vedendo l'età avanzata di quest'ultima.

LOREDANA: Le sue parole ci incoraggiano molto, ma come fare per vincere il mio timore sconsiderato?
MICHELE: E' questo lo scoglio più grande.......
MEDICO: Giusto......infatti non vi ho ancora detto che, però, la pratica anale richiede molta più preparazione tecnica ed esperienza rispetto al rapporto ordinario vaginale: sono due mondi completamente diversi.
MICHELE: Quindi?
MEDICO: Quindi occorre approcciarsi ad esso con consapevolezza e, quando si sarà raggiunta la giusta preparazione, si potrà procedere con serenità. Pertanto niente “facilonerie” o metodi “fai da te”. Occorre tecnica scientifica.

Michele ascoltava con attenzione e pensava a quante storie quel professore facesse per dare un'inculata: sembrava ci volesse una laurea!

LOREDANA: Dottore, lei ci può aiutare in questo?
MEDICO: Indubbiamente sì, ma occorrerà la vostra collaborazione perché esiste un problema aggiuntivo al suo timore, signora.
LOREDANA: Ossia?
MEDICO: Ossia che suo figlio non ha mai avuto esperienze di rapporti anali.........
MICHELE: E questo è vero, ma......cosa può cambiare?
MADICO: Da un lato è forse meglio che Lei non abbia mai penetrato analmente una donna, in quanto da subito imparerà a farlo nella maniera corretta indicata da me. Tuttavia devo segnalare che il percorso sarà più lungo.
LOREDANA: Si spieghi meglio, dottore.......
MEDICO: Mi spiegherò meglio rivolgendole una domanda, signora. Lei si farebbe penetrare l'ano vergine da suo figlio che non ha mai praticato una sodomia? E se fosse disposta a farlo, lo farebbe a cuor leggero e tranquilla?
LOREDANA: Sinceramente.....avrei una paura tremenda!
MEDICO: E' naturale! E finiremmo per fare un grosso pasticcio, con il rischio di non arrivare alla soluzione ricercata.
MICHELE: E dunque?
MEDICO: Se a voi sta bene potremmo superare il primo ostacolo, ossia togliere la verginità all'ano della signora, in una maniera assolutamente sicura ed indolore...ma c'è un però.....
LOREDANA: Sarebbe?
MEDICO: Dovrei essere io a farlo.
MICHELE: Che cosa?????
MEDICO: Calma......non si agiti.........era una proposta. La proposta più sensata e responsabile per risolvere rapidamente il problema.
LOREDANA: Ma.....
MICHELE: Stiamo scherzando??
MEDICO: Insomma....volete cominciare il prima possibile ad accoppiarvi analmente o no?
MICHELE: Ovvio.......
MEDICO: Se non svergino io andremo avanti per tentativi per un sacco di tempo con il rischio di accrescere il timore della signora per il dolore. Una volta tolta la verginità vi darò delle istruzioni in un opuscolo che voi due potrete seguire dopo aver eseguito, sotto la mia sorveglianza, una seduta di pratica nel mio studio.
MICHELE: Ma............
MEDICO: Fidatevi, è il modo migliore. Parlatene insieme e decidete con calma. Se vorrete avvalervi delle mie prestazioni, potete ricontattarmi e fisseremo gli appuntamenti per espletare il tutto. In modo che possiate decidere meglio vi indicherò anche i miei onorari per il servizio. Dunque, per lo sverginamento e per la seduta successiva di tre ore ciascuna, in cui vi istruirò sulle pratiche anali, io chiedo tremila euro, oltre ad IVA.


Scena terza

Loredana e Michele decisero di discuterne a casa la sera stessa.

LOREDANA: Io penso che il medico abbia ragione. Se vogliamo risolvere il problema dovremmo seguire il suo consiglio.
MICHELE: Ma, mamma, amore, mi vorresti privare del piacere di sverginarti? Il sedere è l'unica cosa a cui possa toglierti la verginità, per ovvi motivi!
LOREDANA: Lo so, amore, lo so........anche a me farebbe piacere fossi tu a sverginarmi il sedere..........ma dobbiamo fare i conti anche con la mia stupida paura!...e poi tu non hai esperienza....devi riconoscerlo!
MICHELE: E' vero.........non ce l'ho!.....ma........
LOREDANA: ….....ma non potrei mai fidarmi di te la prima volta nel culo, mi dispiace tesoro mio!
MICHELE: E di quel medico....ti fideresti di più?
LOREDANA: Sì mi sentirei più tranquilla. E' più esperto e maturo....e poi....soprattutto....è un medico. Mi dispiace, io ti amo e farei tutto per te, ma è così che stanno le cose: forse il mio comportamento è irrazionale, ma non posso fare diversamente. Ora devi essere tu a decidere: o ci affidiamo al dott. Vendemini o rinunciamo al sesso anale.
MICHELE: E' dura...ma chiamerò quel medico.

Michele non riusciva a credere che stava chiamando un tale per far rompere il culo a sua mamma e lo pagava pure tremila euro: cosa non si fa per il sedere della propria mammina!






Atto secondo


Scena unica

Il dott. Vendemini fissò il primo appuntamento dopo un mese, il 21 ottobre. Nel frattempo Loredana eseguì tutti gli esami che il medico le aveva richiesto per la prestazione (epatite, HIV..........). Il giorno prima si era recata dalla parrucchiera per sistemarsi testa, mani e piedi: non voleva fare brutta figura.

(La sera prima di andare a dormire, in camera con suo figlio Michele)

MICHELE: Allora, mamma, ci siamo. Domani è il gran giorno. Come ti senti?
LOREDANA: Un po' tesa, ma dovrei farcela.
MICHELE: Ti sei fatta bella oggi!
LOREDANA: Non voglio fare brutta figura, e poi, alla mia età devo tenermi su, in fondo quell'uomo è uno sconosciuto.
MICHELE: Vabbè..........
LOREDANA: Non sarai geloso di quel medico?
MICHELE: Sai che un po' mi disturba questa cosa.
LOREDANA: Immagino amore, ma......
MICHELE: Ok...ok....non parliamone più. Però, se ti va...........vorrei fare l'amore anche stasera.....
LOREDANA: Ma certo, tesoro mio!
MICHELE: Grazie, mamma......solo una e poi ti lascio riposare, ne hai bisogno.

Detto questo Loredana e Michele seduti sul letto già in mutande si abbracciarono e si baciarono, iniziando i preliminari. Poi si tolsero la biancheria intima e Loredana prese in bocca il cazzo già duro di suo figlio. Poco dopo Loredana si coricò e allargò le gambe sollevandole leggermente per accogliere suo figlio dentro di sé. Michele penetrò sua mamma dolcemente e poi la chiavò in quella posizione mentre lei incrociava le sue gambe sulla schiena del suo uomo per tenerlo avvinghiato a sé. Michele baciava con trasporto Loredana durante il coito, finché non raggiunse l'orgasmo, riversando tutto il suo sperma dentro sua madre.

MICHELE: Mamma, ti amo ogni giorno di più e ti sono grato per quello che stai facendo per me!
LOREDANA: Sai che farei tutto per te, amore mio!
MICHELE: Davvero, se penso a quello che sei disposta a fare domani, alla tua età.....
LOREDANA: Sono certa che ci servirà per rendere ancora più intimo e profondo il nostro rapporto amoroso.
MICHELE: Sicuramente, amore mio.
LOREDANA: E sono certa anche che, se tutto andrà bene, in futuro ci divertiremo ancora di più.
MICHELE: Andrà tutto bene, vedrai. Ora riposa, piccola.
LOREDANA: Prima ci fumiamo una sigaretta.
MICHELE: Ok.

Si accesero una sigaretta e rimasero a letto abbracciati.

MICHELE: Mamma, sono fiero di avere una moglie come te.
LOREDANA: E io un maritino come te! Vorrei che non mi lasciassi mai più!
MICHELE: Ma che sciocchezze dici...certo che non ti lascio più, sei mia!
LOREDANA: Ma sono vecchia!
MICHELE: E chi se ne frega: tu per me sei sempre la più figa!
LOEDANA: Allora scopami ancora, maritino mio!
MICHELE: Certo che ti scopo, me l'hai fatto venire più duro di prima!

Michele girò sua madre sul fianco e le infilò la fica da dietro mentre la teneva per le tettone, palpandole avidamente. Dopo dieci minuti di pompate poderose, Michele cosparse di nuovo l'utero di Loredana con il suo seme. Ora era spossato, ma con impeto girò sua madre verso di se la abbracciò forte e cominciarono a baciarsi ancora in bocca.

MICHELE: Mamma, amore, prima di dormire vorrei fare ancora una cosa......
LOREDANA: Dimmi tutto....
MICHELE: Vorrei dare un bacetto alla tua cigliegina, che domani non sarà più vergine ed inviolata.
LOREDANA: Ma tesorooooo, sì....eccola qua.

Loredana si voltò ed aprì oscenamente le natiche tenendosele allargate con le mani per mettere in evidenza il suo stupendo ano. Michele ammirava l'oggetto del suo desiderio, poi si precipitò a baciarlo ripetutamente; lo assaporò infilandoci la lingua dentro per qualche minuto.
Poi Michele diede un bacio in bocca a sua madre ed un abbraccio appassionato e così si assopirono l'uno nelle braccia dell'altro.


Atto terzo


Scena prima

Il dottor Vendemini venne personalmente ad aprire la porta dello studio quel giorno. Infatti, Michele e Loredana si resero subito conto che non c'erano altri pazienti e neppure la segretaria all'ingresso. Giustamente, per quell'operazione particolare, il dottor Vendemini aveva riservato lo studio per loro, anche per questioni di riservatezza. Michele aveva già versato un acconto al professionista i giorni precedenti. Il saldo l'avrebbe effettuato solo dopo la seduta di pratica successiva al primo appuntamento.

MEDICO: Bentrovati, signori, accomodatevi.
MICHELE: Buongiorno, dottore.
LOREDANA: Buongiorno dottor Vendemini.
MEDICO: Prego, seguitemi in ambulatorio. Signora, ho ricevuto via email i risultati delle analisi che le avevo richiesto. Grazie. Va tutto bene, quindi possiamo tranquillamente procedere. Penso che lei, signora, possa capire la ragione per cui le ho richiesto quegli esami............noi non ci conosciamo e dovremo praticare un rapporto anale a pelle senza protezione.
LOREDANA: La capisco benissimo, dottor Vendemini.

Il dottor Vendemini faceva strada; indossava un camice bianco come la scorsa volta: sembrava quasi fosse una normale visita medica. Michele continuava a tenere per mano sua madre, che gli stava vicino come cercando di essere protetta.

MEDICO: Immagino che lei, signor Michele, voglia essere presente.
MICHELE: Sì, certo.
MEDICO: Bene, signora, ora si rilassi e si spogli completamente; le eseguirò una breve visita anale.

Loredana, un po' imbarazzata, incominciò a denudarsi. Poi il medico le disse di sedersi sulla poltrona da visita ginecologica a gambe divaricate. Così fece. Il dottore andò subito ad esaminarle l'orifizio anale.

MEDICO: Signora, non noto particolari problematiche, non vi sono emorroidi, fistole o ragadi. Paradossalmente la penetrazione anale per una donna della sua età è veramente poco dolorosa perché i tessuti sono più rilassati ed elastici rispetto ad una donna di giovane età. Quindi si tranquillizzi, non avvertirà quasi per nulla dolore. Ora le chiedo una cortesia; vada nel bagno qui a fianco, troverà sul lavabo un clistere di gomma già carico di liquido. Se lo inietti ed evacui, poi ritorni qui.
MICHELE: Mamma, ti accompagno.
LOREDANA: Sì tesoro, grazie.


Scena seconda

Loredana e Michele si diressero nel bagno. Michele si offrì di aiutare sua madre e, quando la donna si piegò in avanti tenendo le natiche divaricate, le infilò la cannula nel sedere e poi le pompò il liquido dentro il retto. Evidentemente il dottor Vendemini voleva assicurarsi che il condotto rettale fosse perfettamente pulito per evitare di sporcarsi il membro durante la sodomia. Loredana si sedette sul wc ed espulse il liquido; non espulse merda perché aveva già abbondantemente defecato la mattina stessa, come era solita fare. Espletata anche questa operazione, Michele rassicurò sua madre prima di uscire dal bagno.

MICHELE: Fatti coraggio, amore mio.
LOREDANA: Ti amo, stammi vicino.
MICHELE: Ma certo.

Si abbracciarono e si baciarono, poi raggiunsero il dottore.


Scena terza

MEDICO: Signora, si rimetta sulla poltrona nella posizione di prima. E' la posizione migliore per non sentire dolore, stando lei distesa sulla schiena e con le gambe sollevate e divaricate, agevola l'ingresso del membro.

Mentre Loredana si metteva nella posizione richiesta, il dottore si stava già spogliando. Una volta nudo si menò il membro qualche secondo e raggiunse l'erezione completa.
Il dottor Vendemini era particolarmente dotato: aveva una nerchia lunga più di 30 centimetri, con un diametro consistente di circa 10 centimetri e una cappella gonfia enorme. Loredana guardava quell'uccello intimorita, mentre Michele le accarezzava il capelli per tranquillizzarla.

MICHELE: Coraggio, mamma, ti sto accanto.

Nel frattempo il medico si avvicinava alla donna con una bottiglia di lubrificante.

MEDICO: Usiamo un po' di normale lubrificante per secchezza vaginale, ma quando praticherete assiduamente sesso anale, col tempo. basterà solo un po' di saliva prima della penetrazione.

Mentre diceva queste cose spalmava il lubrificate sull'orifizio anale della donna e lo inseriva anche dentro il retto con un dito. Poi, riposto il flacone di lubrificante, impugnando il cazzo duro, lo portò vicino al buco del sedere di Loredana ed appoggiò la cappella turgida e gonfia sull'orifizio.

MEDICO: Ora, signora, si rilassi; sentirà un po' di pressione sul foro per quattro o cinque volte, poi entrerò. Mi raccomando non si irrigidisca altrimenti sentirà dolore.
LOREDANA: Va bene, dottore........ma entri delicatamente!
MEDICO: Non si preoccupi, sono un professionista.

Michele diede ancora un bacetto a sua mamma e lei ricambiò. Il dottor Vendemini iniziò a far pressione sullo sfintere di Loredana, la quale chiuse gli occhi per non vedere quell'uomo che la stava violando e per cercare di rilassarsi il più possibile. Dopo qualche pressione, via via sempre più potente, la quinta volta il dottor Vendemini era entrato con la cappella intera nel culo di Loredana, la quale emise un leggero gemito perché aveva capito che stava entrando: ma aveva sentito solo un lieve bruciore, non certo dolore. Questo la fece rilassare ancor di più ed il medico, che l'aveva intuito, sferzò allora il colpo decisivo e la penetrò completamente. Tenne il membro tutto infilato dentro il culo di Loredana per assuefarlo e per dar modo alla donna di percepirlo al suo interno. Intanto lo sfintere si deformava e si adattava alla forma del pene del medico.

MEDICO: Signora, siamo dentro. Rimanga rilassata: sente dolore?
LOREDANA: No, dottore, solo un lieve di bruciore.
MEDICO: E' normale la prima volta. Ora rimanga tranquilla; lo terrò fermo dentro un po'. Poi inizierò lentamente il movimento per consueto.

Michele si era reso conto che quel dottor Vendemini ci sapeva fare davvero: era un serio ed abile professionista inculatore. Michele era soddisfatto di come si prendeva cura di sua madre per non farle male. Michele era sbigottito nel vedere quel pisello enorme rimanere duro e fermo tutto dentro il sedere di sua mamma. E non poteva credere come quel forellino, fino a poco prima così minuscolo, si fosse dilatato in quella maniera per ospitare il cazzo del dottor Vendemini. Michele pensava a come sua madre Loredana dovesse amarlo, visto che all'età di 61 anni, si era fatta rompere il culo da quell'uomo! Poi, prima lentamente, poi sempre più veloce, il dottor Vendemini, cominciò a muoversi nel culo di Loredana avanti e indietro, ritmicamente. Ora Loredana teneva gli occhi aperti e guardava il medico che la inculava. Si poteva notare che il dottore stava godendo; ma anche Loredana gemeva di piacere sottovoce. Michele guardava attentamente.

MEDICO: Signora, sente male?
LOREDANA: No, dottore.
MEDICO: Prova un po' di piacere?
LOREDANA: E' difficile da dirlo, ma.....sì sto godendo.
MEDICO: Benissimo, è quello che volevamo. Ora aumenterò il ritmo ed eiaculerò dentro il suo ano.

Con l'aumentare del ritmo, Loredana ansimò in maniera molto evidente di piacere ed il dottor. Vendemini, approssimandosi all'orgasmo, palpò le tette di Loredana. Poco dopo, emettendo un profondo e gutturale gemito di godimento, il dottor Vendemini, si liberò del suo sperma nell'ano di Loredana e si abbandonò ripetuti spasmi di godimento. Poi estrasse il membro dal sedere della donna. Anche Loredana ebbe degli spasmi di piacere. Quando il medico estrasse il cazzo fuori dal culo, il foro rimase qualche secondo aperto ed allargato e Michele era quasi impressionato nel vedere cosa era stato capace di fare quel dottor Vendemini.
Il medico indossò di nuovo il camice senza rivestirsi, prese un grosso bicchiere di plastica e lo mise sotto il buco del culo di Loredana.

MEDICO: Signora, ora si riprenda un attimo, poi spinga fuori il mio sperma: le tengo il bicchiere sotto.
LOREDANA: Va bene, dottore.

Così fece: Loredana eccitò lo sfintere spingendo per far fuoriuscire il seme che il dottor Vendemini le aveva depositato alla fine del coito anale. Uscirono diversi fiotti densi e bianchi di sperma: l'aveva decisamente riempita...... il dottor Vendemini. Per spingere fuori la sborra Loredana mollò una scoreggia e si vergognò, ma il medico non ci fece neppure caso.

MEDICO: Direi che è andato tutto benissimo. Ora se vuole andare in bagno a ripigliarsi un po', prego.......tra venti minuti le praticherò una seconda penetrazione, poi per oggi abbiamo terminato.
LOREDANA: Senz'altro, dottor Vendemini.

Scena quarta

Michele aiutò sua madre ad alzarsi e la accompagnò in bagno. Lì furono soli e parlarono un po'.

MICHELE: Mamma, sei stata grandiosa.......ti adoro!
LOREDANA: Grazie amore.....sembra che ce l'abbiamo fatta, stavolta!
MICHELE: Pare proprio di sì.

Michele abbracciò sua madre nuda e la baciò. Loredana poteva sentire il cazzo di suo figlio durissimo.

LOREDANA: Ma, amore......ce l'hai durissimo!
MICHELE: Ovvio........penso già a come ci divertiremo!
LOREDANA: Ma non puoi rimanere così.........
MICHELE: E quindi?
LOREDANA: ...quindi ora ti faccio un pompino!

Detto questo Loredana si sedette sul wc e tirò fuori dai pantaloni il pisello di suo figlio per spompinarlo. Non durò molto: Michele era eccitatissimo. Quando vene in bocca a sua madre, lei bevve tutto, fino all'ultima goccia. Loredana fece in tempo a far pipì ed era già ora di tornare dal dottor Vendemini, per il round finale.

Scena quinta

MEDICO: Signora, venga pure vicino al lettino, stavolta non useremo la poltrona.

Michele le lasciò la mano e Loredana si incamminò verso il dottor Vendemini, che si stava togliendo il camice. Il medico aveva già il cazzo duro e lo si vedeva far pressione da sotto il camice.
Il dottor Vendemini guidò Loredana mettendole una mano sulla spalla destra e le disse di mettersi a 90 gradi appoggiandosi con i gomiti. La aiutò a posizionarsi e le divaricò le gambe. Poi il medico con una mano si menava il cazzo e con l'altra metteva un dito nel culo a Loredana per prepararla alla seconda penetrazione. Loredana stava con la schiena incurvata, le tettone penzolanti ed i gomiti appoggiati sul lettino in attesa di essere nuovamente inculata dal dottor Vendemini; con lo sguardo cercava suo figlio, ma Michele si era posizionato dietro di loro e lei non poteva vederlo. Questa volta la penetrazione fu fulminea: il dottore, quando tolse il dito medio sinistro dal culo della donna, rapidamente le allargò le natiche con la stessa mano sinistra, mentre con la destra, impugnando la nerchia in tiro, le assestò un colpo deciso e violento entrando in un batter d'occhio nel sedere di Loredana. A seguito del colpo che ricevette, Loredana inarcò la schiena, alzò il collo e contemporaneamente si alzò sulla punta dei piedi, irrigidita (movimento che le fece stringere le chiappe sul cazzo del medico già nell'ano): le uscì un grido a bassa frequenza, gutturale, unito ad una smorfia della bocca. Dopo l'irrigidimento iniziale, Loredana rimase ancora in punta di piedi, ma le cominciò un lieve tremore alle gambe. Stavolta il dottor Vendemini ci andava meno per il sottile: raggiunse subito un ritmo notevole di pompaggio e Michele, da dietro, poteva vedere che sua madre assecondava la penetrazione agitando le chiappe in maniera coordinata con il movimento del cazzo dell'uomo. Michele pensava a quanto stesse godendo quel bastardo di medico che si stava inculando sua mamma (e veniva pure pagato bene per farlo!!). Il dottor Vendemini ci stava dando dentro di brutto stavolta: stava montando Loredana come un ossesso e la teneva per il collo. Quando venne e le sborrò dentro fu una liberazione per Michele: finalmente era finita e non doveva più vedere quell'uomo dentro il culo di sua madre e con le mani addosso alla sua donna. Terminato anche questo coito, il dottor Vendemini, come la prima volta, invitò Loredana a liberarsi dello sperma che le aveva “iniettato”: Loredana espulse volentieri il seme di quell'uomo, che per lei era solo uno sconosciuto. Il medico stavolta si rivestì completamente e così anche Loredana. Prima di lasciare andare la coppia, il dottor Vendemini dispensò alcune raccomandazioni.

MEDICO: Bene. La prossima volta che ci vedremo, come già fissato tra 4 giorni, sarete voi due a praticare sesso anale sotto la mia supervisione.
MICHELE: Perfetto!
MEDICO: Signora, nei prossimi due giorni avvertirà bruciore nella zona perianale e sicuramente le si gonfierà lo sfintere. Ci sarà anche arrossamento: ma è normale. Prenda questa crema e la metta sull'ano e dentro il retto due volte al giorno. Sicuramente potrebbe avvertire lo stimolo di defecare: anche questo è normale. Potrebbe avere dolore quando si mette a sedere nei prossimi giorni: si appoggi con calma e lentamente. Inoltre, dopo la defecazione e negli slip potrebbe riscontrare tracce di sangue: non si spaventi: è fisiologico...................con l'azione del membro nello sfintere è molto facile che si rompano dei capillari.
MICHELE: Dobbiamo adottare particolari precauzioni in questi giorni?
MEDICO: Non fatevi prendere dalla fretta di accoppiarvi analmente. Ora che il più è compiuto, non rovinate tutto, ma pazientate ancora qualche giorno: avrete modo di praticare rapporti anali finchè vorrete dopo la prossima seduta.
MICHELE: Possiamo avere rapporti vaginali in questi giorni?
MEDICO: Ma certamente, per quelli nessuna restrizione.

Loredana ascoltava attenta, ma non vedeva l'ora di uscire dall'ambulatorio: quell'uomo in qualche modo la infastidiva.




Atto quarto


Scena unica

Quando Loredana e Michele furono giù in strada dirigendosi verso l'auto, Michele, che teneva per mano sua madre, si accorse che camminava in modo un po' impacciato.

MICHELE: Che hai, mamma, ti fa male.....?
LOREDANA: No, nulla....
MICHELE: Eppure ti vedo camminare in maniera strana.....
LOREDANA: Mi brucia un po'....ma non è niente.

Michele strinse a sé sua madre. Quando salirono in auto, Michele notò che Loredana si sedeva con prudenza e, nell'atto di appoggiare il sedere sul sedile, fece una smorfia di dolore. A quel punto, Michele, preso da trasporto nei confronti di sua madre per ciò che aveva fatto quel giorno, la abbracciò con affetto e la baciò intensamente.

MICHELE: Ti amo....sei la mia bambolina.
LOREDANA: Anche io ti amo.

Tornati a casa, Loredana si fece subito una doccia, poi, quando entrò in camera, vide che Michele si stava rilassando in poltrona.

LOREDANA: Sai, aveva ragione il dottor Vendemini. Ho come lo stimolo di fare la cacca. Ho provato, ma non mi esce nulla.
MICHELE: Il dottore ha detto che dovrebbe passare questa sensazione fastidiosa nel giro di due giorni. Ti pulsa?
LOREDANA: Sì, tanto.
MICHELE: Vieni, amore, che ti metto su un po' di quella crema che ci ha dato il medico.

Michele fece stendere sul letto la madre e le allargò le chiappe: si rese conto che lo sfintere della donna era rosso, irritato e rigonfio, a causa delle due penetrazioni subite dal dottor Vendemini. Michele pensò che quell'uomo aveva trapanato per bene sua madre e provò una certa rabbia perché avrebbe voluto essere stato lui stesso a prendersi la verginità anale di sua mamma.

MICHELE: Mamma, prima te lo bacio un pochino..............
LOREDANA: Grazie, amore!

Michele, prima di spalmare la crema antinfiammatoria ed emoliente, si prodigò in baci e leccate sul buco del sedere di sua mamma (e persino dentro!). Ovviamente questo gli procurò un'erezione pazzesca. Così propose a Loredana di fargli una sega e poi di sborrare sul suo ano: prima della crema artificiale voleva spalmare a sua madre la crema naturale.
I giorni seguenti tutti quei fastidi permanevano in forma attenuata e Loredana e Michele facevano regolarmente l'amore coniugale in forma vaginale ed orale.






Atto quinto


Scena prima

Finalmente arrivò il giorno del secondo appuntamento con il dottor Vendemini. Michele era elettrizzato e Loredana era felice di poter accogliere nel suo corpo il proprio amore in questa nuova maniera. Prenderlo nel culo le era piaciuto anche da quello sconosciuto e pensava che la sensazione sarebbe stata bellissima con suo figlio al posto di quell'uomo per cui lei provava un po' di disgusto.
Anche quel giorno il medico riservò lo studio per loro. Dopo averli fatti accomodare, si informò sul decorso di quei problemini avuti dalla donna nei giorni precedenti, ma tutto rientrava nella normalità. Il dottor Vendemini consegnò alla coppia una dispensa con una serie di raccomandazioni ed istruzioni utili alla corretta esecuzione della pratica anale: in appendice vi erano anche delle illustrazioni di alcune delle più consuete posizioni che gli amanti potevano scegliere per accoppiarsi con la sodomia.

MEDICO: Bene, ora potete con calma spogliarvi.

Mentre i due amanti si spogliavano il medico continuava a parlare.

MEDICO: Il vantaggio dell'età non giovanile della signora risiede nel fatto che se praticherete quotidianamente il sesso anale, lo sfintere, oltre ad allargarsi notevolmente, si rilasserà talmente che diverrà capiente come la vagina.

Nel frattempo Loredana e Michele era nudi, l'uno accanto all'altra, pronti per unirsi. Inutile dire che Michele aveva già la mazza dura. Il dottor Vendemini disse alla donna di preparare con la bocca il membro del suo uomo: Loredana si inginocchiò per succhiare l cazzo a suo figlio. Poco dopo il medico passò a Michele il lubrificante. Loredana fu invitata dal dottore a posizionarsi sulla poltrona come quando ebbe il primo rapporto anale con lui. Poi Michele, su istruzione del dottor Vendemini, massaggiò l'ano di sua madre con il lubrificante. Tutto era pronto per il grande avvenimento. Michele aveva il cuore in gola, tanto era eccitato. Loredana era felice che fosse arrivato quel momento in cui poteva darsi al figlio, amore della sua vita, nel modo in cui lui desiderava da tanto tempo. Si stavano per accoppiare, si stavano per unire carnalmente contro natura! Il dottor Vendemini teneva allargate le natiche di Loredana per aiutare il figlio a penetrarla, impacciato per l' emozione del momento (e possiamo ben capirlo), ma anche per la sua totale inesperienza in quel genere di rapporto sessuale.
Michele, seguendo le istruzioni del professionista, fece più volte pressione sullo sfintere di sua madre con la cappella turgida. La pressione era progressivamente sempre più forte, finché, al sesto colpo, entrò con tutta la cappella nel sedere della mamma. Michele provò una sensazione paradisiaca, sentendo il proprio membro costretto tra le pareti rettali della sua donna. Quindi lentamente spinse tutto il suo membro dentro il sedere di sua mamma ed, esattamente come aveva fatto il medico la scorsa volta, vi rimase fermo completamente dentro per un minuto circa.

MEDICO: Bravo....ora cominci a spostarsi avanti e indietro come in un normale coito vaginale. Attento però, esegua un movimento lento inizialmente. Bene.........sia ritmico e regolare!

Loredana non chiuse affatto gli occhi stavolta: lei voleva vedere l'espressione estasiata del suo amore che aveva realizzato il suo sogno. Michele sospirava appagato di sentirsi dentro il sedere di sua madre. Iniziò a pompare e venne poco dopo rilasciando una gran quantità di seme. Quando Michele stava per eiaculare si abbassò per baciare in bocca la sua donna, che lo abbracciò amorevolmente. Sollevatosi ed estratto il suo membro dall'ano della mamma, era rimasto ancora turgido ed era evidente che ci sarebbe stata una seconda penetrazione di lì a poco. Il dottor Vendemini chiese a Loredana se volesse espellere lo sperma di suo figlio, ma lei disse che voleva tenerlo dentro di sé. Questo inorgoglì Michele. Per la seconda penetrazione il medico consigliò di utilizzare quella che la volta precedente aveva lui stesso impiegato; perciò Loredana si alzò dalla poltrona e guidata dal figlio si avvicinò al lettino; poi si piegò a 90 gradi e tutto fu come con ilo dottore........ma infinitamente più bello ed appagante.
Quel giorno, quando uscirono felici dallo studio del dottor Vendemini, Michele, saliti in auto, tirò fuori dal cassettino portaoggetti un piccolo pacchetto.

MICHELE: Amore mio, ecco è per te!
LOREDANA: Oh....tesoro.....

Loredana aprì il pacco e nella scatola c'era un bracciale con una medaglietta d'oro. Sulla medaglia c'era inciso “Loredana e Michele uniti per sempre 25 ottobre 2013”.
Loredana abbracciò con impeto suo figlio. Si baciarono con foga.
Da quel momento Loredana e Michele si accoppiarono analmente ogni giorno e preferirono quel tipo di sesso a quello tradizionale. L'ano di Loredana, in breve tempo, divenne quasi più largo e morbido della sua figa.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 1): 3 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10