STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
la mia signoraorgia universitariaLa commercialista - parte 3^LA NOSTRA VACANZA A SHARMsesso puroSolo a casa con leiSara l'inizio di una sottomissione!!COGNATA!!!!
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

I 3 utenti piu' attivi
and55fi (32) simo72 (22) pipistrello (18)
Letterina ( 06-01-2017 )
Non è da tutti i cinquantenni scoparsi una ragazza di ventitre anni, ma hai cominciato tu, Fabiola. Quando venivo al bar, praticamente mi ti strusciavi contro, mi guardavi con quel faccino dove un trucco sapiente metteva in risalto la tua espressione di porca vogliosa, mi esibivi le tue scollature o le magliette strettissime tese su quel paio di poppe turgide che ti ritrovi e certe minigonne vertiginose... E poi la sera che mi hai invitato a casa tua perché, dicevi, ti aiutassi a studiare - e dopo due minuti eri inginocchiata davanti a me con solo un paio di calzettoni colorati, intenta a succhiarmi il cazzo con lunghi e avidi colpi si lingua, e intanto mi fissavi dritto negli occhi con quegli occhioni verdi da gatta. E da allora non posso più resisterti, lo sai. Appena ci vediamo mi avvento sul tuo corpo rotondetto, di panna, e ti cavalco per ore. E tu godi, una ragazza così carina e gentile, occhioni dolci e lunghi capelli biondi, ti torci a gambe larghe sotto i miei colpi di stantuffo, e rantoli con quella tua voce calda da ragazza del sud di sfondarti e mi graffi la schiena con le piccole unghie laccate di rosso... Ah, quella tua voce così sensuale, mi fa impazzire, e le cose da maiala infoiata che dici - soprattutto quando ti prendo da dietro, alla pecorina, e mugoli e ululi. E questo ti piace farlo davanti allo specchio, perché sai che il tuo volto sconvolto dal piacere mi fa eccitare ancora di più. E la prima volta che te l'ho messo in culo? Avevo talmente voglia che stavo per venire subito, e tu, che prima non volevi prenderlo, hai cominciato a delirare un sacco di parolacce meridionali perché ora lo volevi più grosso! Godevi tanto che i vicini hanno cominciato a battere sul muro.
Ma mi piace anche, lo sai, leccarti tutta, dalle dita dei piedi su fino ai capezzoli e poi le labbra dove metti sempre quei rossetti fruttati... E tu ti contorci e ridi e poi cominci ad ansimare e godi, e quella tua risata di gola mi fa rizzare l'uccello come un palo.
Come ti guardano gli altri uomini quando usciamo, lo sai. E so anche come tu guardi certi pacchi che si formano nei pantaloni di quelli che ti vedono. Non mi importa, mi hai legato a doppio filo alla tua fica e al resto. Anche quando il mio amico Luigi, l'altra settimana, ti ha salutata e sembrava che avesse un dirigibile nei calzoni, tu gli hai sorriso in quel modo che sappiamo, e lui probabilmente è venuto lì sul momento. Ma mi piaci troppo, e ti ho accontentata anche in questo.
Anche perché mi eccita un sacco vederti godere così, col mio cazzone in fica e quello di Luigi in bocca. E poi c'è anche un'altra sorpresa: per domani sera ho invitato Paola, quella bruna un po' stile figlia dei fiori. Ho notato come ti guarda, quella. Così le ho preparato uno di quei cazzi finti. Lo so che non vedi l'ora. Ma per adesso prenditi il mio, così, nel culo!
Tutto per te, piccola dolce Fabiola.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 5): 6.2 Commenti (11)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
RSS feed Sei eccitato? Se vuoi divertirti da solo o vuoi provare qualcosa di diverso con la tua lei, visita questo Sexy Shop, troverai tanti toys interessanti e molto altro.