STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
il compleanno di giuliaLa storia di Giuseppina viaggio e addestramentola porca calda mi fa cornuto da 20 anniIl pompino di OrnellaMi piace la sborra...Quella Puttana di Mia Sorella!Avevo troppa voglia di figaMia moglie con Pippo
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

I 3 utenti piu' attivi
and55fi (32) simo72 (22) pipistrello (18)
doveva essere solo per un concerto... ( 01-05-2017 )
ero arrivato da poco in citta perche dovevo andare a un concerto che aspettavo da tempo;
il tempo di lasciare i bagagli in albergo e mi feci un giro, fino a quando non sarebbe arrivato il momento di assistere.
andai in un bar a prendere qualcosa e fu allora che la vidi: era una bella milf, ma che portava bene gli anni e aveva pure un fisico che nulla aveva
da invidiare con una ventenne le sue gambe affusolate erano messe in risalto da quella minigonna in pelle nera e
una maglia a maniche lunghe dello stesso colore che tratteneva un bel seno
gli stivali poi, erano uno spettacolo.
era una bella bionda con corti capelli e mi intrigava parecchio, al punto di volerla conooscere.; mi sarebbe piaciuto
avere un altro bel ricordo di
questo mio viaggio, oltre il concerto ovvio, che era il motivo primario della mia presenza in quella città.
ad un tratto pensai che mi avesse letto nel pensiero, poiche si voltò verso di me e, come se si fosse accorta che la stavo osservando, mi sorrise.
si avvicinò al bancone e prese un caffè, poi iniziò a parlarmi e mi disse che si chiamava EMANUELA e anche lei era li per il concerto.
rompemmo un po il ghiaccio e le parlai del concerto che volevo vedere, che poi me ne sarei andato e lei mi invitò a pranzo ,
sticazzi avrei fatto l'indomani il biglietto, quindi perchè rifiutare?
ci scambiammo i numeri e ci congedmmo, perche stava arrivando il momento del concerto.
ammetto che mi divertii ma il mio pensiero lo rivolsi pure a EMANUELA, non vedendo l'ora di vederla, contando i secondi
che mi separavano da lei.; entrammo nella sala e io le rimasi vicino fomentandomi insieme a lei ad ogni canzone e sentendomi mancare il respiro ogni
volta che si strusciava casualmente a me;
a concerto finito ci congedammo e io andai in albergo a dormire cercando di prendere sonno, ma il pensiero di Emanuela mi rendeva insonne,
oltre ad alzarmi il cazzo... avrei voluto segarmi, ma rinunciai per conservarmi, chissà, sarebbe potuta scappare
una bella chiavata, anche se ci andai con i piedi di piombo.
beh, ci avrei pensato l'indomani.
il giorno successivo lasciai l'albergo e mi diressi verso l'indirizzo che EMANUELA mi aveva dato, sperando che non mi avesse tirato un bidone; suonai al citofono
e mi fece piacere sentire la sua voce che mi disse di salire.
varcai la porta che era socchiusa e mi venne un colpo quando la vidi, nuda e avvolta da un asciugamano, che lasciava poco all'immaginazione, poichè si
era appena fatta una doccia; finsi il mio imbarazzo dicendo di essere venuto in anticipo, quando dentro di me ero cosi arrapato che avrei voluto toglierle
quell'affare e stantuffarla di brutto... EMANUELA tuttavia, disse che non c'erano problemi... cazzo doveva fidarsi davvero di uno sconosciuto
come me per farsi trovare in quel modo. certo, non sono di solito il tipo che si trasforma in animale quando vedo una donna in quel modo, però, cazzo
non ero fatto di legno!
mi sorrise facendomi accomodare in soggiorno, dove poggiai il mio bagaglio, mentre lei aNDò IN CAMERA DA LETTO PER VESTIRSI, CHIUDENDO la porta a chiave...
certo, sarebbe stato troppo che lasciasse la porta aperta mentre si vestiva... non è che una solo perche ama vestirsi sexi o si fa trovare in asgiugamano, anche
quando poteva mettersi in accappatoio, specialmente se qualcuno veniva a casa sua, la doveva per forza dare come il pane... o no?
in ogni caso mi alzai dal divano e senza far rumore mi avvicinai a quella porta, sbirciando dallo spioncino; certo, potevo sembrare un arrapato, però la tentazione
di sbirciare era troppo forte;fu allora che la vidi nuda, un corpo ancora piu stupendo di come la mia immaginazione avesse descritto,
mentre il mio cazzo si alzò e io lo tirai fuori, pronto a segarmi, specialmente quando la vidi davanti allo specchio, prima accarezzandosi,
poi pinzandosi i capezzoli e, alla fine, menttendo una mano tra le proprie coscie iniziando a masturbarsi.
immagino che amava divertirsi da sola, essendo single e che male c'è?
pur io quando non avevo, da trombare mi masturbavo, talvolta davanti ad un porno.
volevo sfondarla quella porta e farle assaggiare il mio arnese, darle qualcosa piu soddisfacente delle dita, ma mentre ebbi questi pensieri mi accorsi che stavo
per venire e mi fermai... per fortuna non schizzai e , senza far rumore mi allontanai rimettendo il cazzo nelle mutande e cercando di mantenere un contegno tornai al
soggiorno... aspettando che la donna uscisse dalla stanza; e che cazzo, la notte precedente mi ero trattenuto dal segarmi e dovevo spomparmi proprio ora?
quando la porta si aprì sentii emanuela arrivare, vedendola vestita con delle ciabatte, una minigonna aderente rossa e un top nero, da cui vidi sporgere i capezzoli..
niente, non so se aveva l'intenzione o meno, ma sembrava si divertisse a provocarmi e io sentivo le palle scoppiarmi; andammo in cucina ad iniziare il pranzo,
che proseguì normalmente.. almeno fino a quando passammo alla frutta, dove EMANUELA prese una banana la sbuccio e iniziò a prenderla in bocca in modo strano,
come se stesse facendo un pompino!
un altro colpo inaspettato quello e io volevo alzarmi per farle assaggiare la mia di banana!
Davvero non ce la facevo piu... un'altra cosa cosi e me la sarei chiavata a seduta stante .
a parte la storia della banana non accadde più nulla e prendemmo il caffè... dopodichè EMANUELA mi invito ad andare in soggiorno per vedere un film.
e che film: rimasi sconvolto nel vedere che era un porno!
secondo me quando era sola si masturvìbava vedendo quei film, non che ci fosse niente di male perche, come ho detto , lo facevo pure io, ma era iniziata
una nuova tortura quando iniziai ad eccitarmi vedendo la ragazza allo schermo, una gran troia, che iniziò a trastullarsi con un cazzo finto davanti all'altro
attore, che le mise l'uccello in faccia per farselo succhiare e poi sostitui il giocattolino sessuale...
non ce la feci piu... mi rivolsi verso emanuela, che apparentemente era impassibile nel vedere il film e con cautela presi un cuscino nelle vicinanze e
tirai fuori il cazzo per segarmi e fu allora che venni sorpreso dalla donna che sorrise scostando il cuscino e vedendomi eccitato e per questo,
scostò la ia mano per iniziare lei una sega e poi rifece il gioco che aveva fatto con la banana e io sentii la sua bocca calda che lavorava
abbastanza bene il mio arnese... poi tornò a segarmi e mi disse:
-Accidenti, era ora che lo tirassi fuori... è da quando sei qui che lo aspettavo. -
un affermazione del genere mi sconvolse e mi resi conto che, da quando ero entrato a casa sua, non aveva fatto altro che cercare di provocarmi.
-Non volevo passare per maniaco . - fu la mia risposta e lei mi disse:
-Non l'ho mai pensato che lo fossi, altrimenti nemmeno ti invitavo... però avevo una voglia matta di scoparti e iin attesa che venivi mi sono toccata tanto... -
olè, quindi era a me che pensava in cAMERA SUA, QUANDO L'HO SBIRCIATA.
- e tu? hAI SEGATO QUESTO bEL CAZZONE PENSANDO A ME?
anche, ma non volevo venire. -
-Che dolce che sei. e ora ti va di farlo?
si, bellezza. non be posso piu. ti voglio.-
-Un altro po di pazienza, tesoro. - fu la sua risposta mentre prese una mia mano portandosela tra le sue cosce, scoprendo che era senza mutande... ed era bagnata
quella troia e io ne infilai due dita eccitando entrambi col rumore di risucchio di quel ditalino... eMANUELa, NEL FRATTEMPO, TORNò A SEGARMI E avvicinò la
sua faccia alla mia per baciarmi, e io acconsentii, entrambi desiderosi di assaggiare l'uno la lingua dell'altra..
con la mani libera le abbassai il top, mostrando le sue tette e con due dita pinzai uno dei suoi capezzoli mentre l'altro lo leccai e succhiai.
nel frattempo il film volse al termine, con la protagonistra che si beccò un fiotto di sborra in faccia e io volli fare assaggiare la mia a quella troia matura:
il momento era arrivato e EMANUELA spense tutto e, con la minigonna ancora alzata e il top abbassato si diresse in camera e il la seguii, ancora con l'arnese duro
e di fuori.
una volta in camerna ci spogliammo ed EMANUELA mi chiese di avvicinarmi, sdraiata sul letto in modo invitante; tornammo a baciarci e a toccarci ovunque e, quando si
sdrAIò, INIZIAI a lavorare di lingua su quella figa , dolce dei suoi umori, mentre lei ansimò, alzando le bambe aperte, mentre io alternai il leccare
con i ditalini.
quando smisi mi misi in ginocchio, mentre EMANUELA di avvicinò al mio cazzo, su cui nel frattempo avevo passato le mie dita fradice dei suoi umori e lei, eccitata
e anche golosa di essi a quanto immaginavo, tornò a prendermelo in bocca e passando la sua lingua in ogni angolo del mio arnese... quando poi smise si draiò a pancia
in giù, dimenandosi come una gatta in calore e io aprii le sua natiche e tornai a leccarla, stavolta alternando entrambi i suoi buchi, per poi cominciare
a stantuffarla.
Finalmente, era da tanto che volevo farlo e anche lei, che inizio a gemere da troia in calore che era; la fottevo senza pietà e, quandoiniziai a tirarla per i
fianchi, lei capì cosa volessi e si sollevò, per farsi stantuffare a pecora e uscii solo quando sentii di stare per venire... eh no cazzo, non volevo sborrare
cosi presto!
la milf mi fece sdraiare e mi salì sopra, mentre cominciò a uoversi in modo pesante, scendendo di tanto in tanto per incrociare la sua lingua con la mia,
mentre io le massaggiai il culo aprendolo, fino a quando non si sollevò accovacciata, continuando a muoversi fino a quando non urlò per l'orgasmo che aveva avuto;
si rimise in ginocchio tornando a baciarmi mentre continuai a muovermi e quando si staccò da me tornoò a succhiarmelo, e mentre me lo segò disse di volermi
far venire, sorridendomi in modo perverso... ma io resistetti ed EMANUELA RIPrese a succhiarmelo e a menarmelo complementandosi per la mia resiostenza.
al terzo tentativo mi chiese di venire e io, allora, fa feci sdraiare e tornai a stantuffarla, facendola gridare ancora di piacere, mentre mi si avvinghiò.
la scopai fino a quando non venne, supplicandomi di fare lo stesso, in parte perche non ce la faceva piu, in parte perche era impaziente di farsi sporcare
quella pelle che si era lavata prima... e stavolta decisi di acconsentire e, sopo essere velocemente uscito, schizzai di brutto,
ancora piu di quanto immaginavo, raggiungendo anche il collo.
la milf sembrava in estasi e, dopo essersi messa in ginocchio, passò due dita dul suo ventre lordo di sperma e ke leccò come se fossero cosparse
di miele e si sdraiò, mentre mi chiese di prendere dal mobile delle e io la pulii , per poi rimanere sdraiato con lei.
ci abbracciammo e baciammo, parlando un po e decidemmo di goderci insieme quel giorno e anche il resto della notte, che avrei passato da lei, quindi altre
chiavate erano alle porte, pronte ad essere godute fino in fondo, poiche il giorno dopo saeri partito.
non ci saremmo rivisti piu, però avremmo ricordato quei momenti, serbandoli dentro di noi come un tesoro, anche se ci saremmo legati al altre persone.

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 5): 4 Commenti (0)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
RSS feed Sei eccitato? Se vuoi divertirti da solo o vuoi provare qualcosa di diverso con la tua lei, visita questo Sexy Shop, troverai tanti toys interessanti e molto altro.